menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La comicità dello Sgargabonzi va in scena al Radiogolden di Conegliano

Venerdì 18 gennaio, alle ore 21, torna l'appuntamento con la rassegna ComedyGolden inaugurata dall'imperdibile spettacolo satirico dello Sgargabonzi "In carne e protesi"

La prima rassegna di Stand Up Comedy della provincia di Treviso apre il 2019 al Radiogolden di Conegliano con lo Sgargabonzi, scrittore elegante e feroce, un comico assolutamente originale che rifiuta ogni strada già battuta, e diverte da un luogo situato oltre i confini rassicuranti della consuetudine e del buoncostume. Considerato uno dei migliori scrittori comici italiani, definito come l’anti-Crozza da Claudio Giunta sul Sole 24 Ore, venerdì 18 gennaio alle 21 con Mattia Coletti (conduttore della serata), presenterà il suo ultimo libro comico, satirico, surreale, allucinante e allucinogeno dal titolo "Jocelyn Uccide Ancora" (minimum fax), per poi esibirsi in un micro live con la lettura di brani tratti dal libro.

Jocelyn uccide ancora è un almanacco tanto divertente quanto perturbante: racconti comici, siparietti dadaisti, parodie letterarie, cronache dall'adolescenza profonda, poesie, canzoni alla moda rivoltate e molto altro. Inizia con una lucidissima Anna Frank che si trova costretta a nominare un parente per la deportazione ad Auschwitz, in una tragica parodia dei reality moderni. È lì che si apre il gorgo dove poco a poco prendono a vorticare personaggi dello spettacolo e gente comune, carabinieri fraintendenti e gorilla giocherelloni, malati di Alzheimer e ricordi del liceo, pizza no limits e favole horror.

In questa spirale infernale si ride sempre più forte e sempre più amaro, non si salva nessuno: un glaciale Nanni Moretti fa compagnia al compianto Dario Fo e alla sua claque di narcisi dell'estremo saluto, le rockstar glitterate precipitano assieme ai ventilatori, alle coppie scambiste, a un Gesù parecchio irascibile e all'autore stesso, che non esita a collocarsi tra i dannati in un crescendo di nevrosi. L'unica consolazione in questa caduta a capofitto verso il nulla è continuare a guardare il mondo, divorarlo, fagocitare la realtà e trasformarla in un Altroquando dove non esistono più schemi, schermi e vincoli, dove tutto si può dire e reinterpretare e ricreare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento