Fase 2: continuano gli spettacoli "digitali" del Teatro Stabile del Veneto

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 08/05/2020 al 10/05/2020
    Dalle 18
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
In foto un momento de "Le baruffe chiozzotte"

Malinconia verso il tempo che fugge, paure singole e collettive, sentimenti non corrisposti e desideri inappagati ma anche tanta leggerezza e divertimento per il primo weekend della tanto attesa Fase 2 con la tournée digitale dei Teatri del Nordest.

Da venerdì 8 a domenica 10 maggio i Teatri Stabili del Veneto, di Bolzano e del Friuli Venezia Giulia e il Teatro Sloveno di Trieste propongono al pubblico a casa in streaming sui rispettivi canali YouTube, una selezione dei loro maggiori allestimenti come I vicini di Fausto Paravidino, Le baruffe chiozzotte diretto da Paolo Valerio, Lo zio Vanja nella lettura inedita e cinematografica di Ivica Buljan e I Turcs tal Friul di Pasolini per la regia di Elio de Capitani. La maratona di spettacoli in streaming prevede, sabato 9 maggio alle ore 20, "Le baruffe chiozzotte", produzione del Teatro Stabile del Veneto per la regia di Paolo Valerio che lo scorso dicembre ha calcato le scene del Mossovet di Mosca. L’ultimo capolavoro di Carlo Goldoni che racconta le schermaglie amorose di un gruppo di pescatori di Chioggia e delle loro donne, è uno spettacolo corale, popolato da personaggi irresistibili: uomini e donne innocenti e rudi, esemplari imperfetti di un’umanità straordinaria. Un affresco di grande leggerezza e irresistibile divertimento, anche se in filigrana si intravede la malinconia per il tempo che fugge. Le donne hanno una sola urgenza: quella di maritarsi. I loro uomini sono pescatori, e presto o tardi il mare li chiamerà a sé. Nelle sue Baruffe, Goldoni riesce in ciò che sa fare meglio: scavare nell’ essenza dell’essere umano, portando alla luce ogni sua imperfezione, per poterla esaminare, comprendere e, forse, superare.

Domenica 10 maggio staffetta di spettacoli. Si parte alle ore 18 con una lettura inedita e cinematografica de Lo zio Vanja, un grande classico della letteratura russa proposto dal Teatro Stabile Sloveno di Trieste, per proseguire, alle ore 20, con I Turcs tal Friul di Pier Paolo Pasolini presentato dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Lo zio Vanja, trasmesso in streaming dalle ore 18 e disponibile per le successive 48 ore con sottotitoli in italiano, prodotto dal Teatro Stabile Sloveno di Trieste e tratto da Čehov, è firmato da una stella del panorama drammaturgico e registico sloveno come il giovane Nejc Gazvoda e diretto da Ivica Buljan, regista di riferimento nel panorama teatrale dell’est Europa. Il dramma psicologico che in un turbine di sentimenti non corrisposti e desideri inappagati travolge gli abitanti di una tenuta della campagna russa viene riletto alla luce di ritmi, rapporti e modalità del XXI secolo, con in più la particolarità di una scenografia che invita gli spettatori a entrare nell’arena insieme agli attori per vivere lo spettacolo a brevissima distanza e da prospettive diverse. In prima serata alle ore 20 invece spazio ai I Turcs tal Friul di Pier Paolo Pasolini in uno degli allestimenti storici de Il Rossetti Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia coprodotto con Teatridithalia e la Biennale di Venezia, dove ha debuttato nel 1996, per la regia di Elio de Capitani con Lucilla Morlacchi e le musiche di Giovanna Marini. L’opera ritrovata nel 1976 dopo la morte dello scrittore e composta a Casarsa, nella casa materna, probabilmente nel 1944, s’ispira a un reale evento storico, la devastante invasione dei Turchi in Friuli nel 1499 e ad una leggenda che vuole che Casarsa fosse sfiorata dai turchi e risparmiata, nascosta da una nube di polvere alzatasi per intervento miracoloso. L’atto unico è connotato dall’attesa e dalla paura, le emozioni archetipiche permeano il testo in cui riecheggia sul piano simbolico, l’inquietudine per la seconda guerra mondiale, con le sue minacce.

“Una stagione sul sofà” prosegue sui social

La stagione continua nel weekend e durante la settimana sui canali social del Teatro Stabile del Veneto con la rassegna di fiabe e racconti “Famiglie connesse”, il laboratorio teatrale di cittadinanza online condotto da Mattia Berto “L’ora d’aria”, con le letture in podcast di romanzi a cura degli allievi della Scuola Teatrale d’Eccellenza e l’immancabile appuntamento con la fiaba della buonanotte “Sogni d’oro”. L’intrattenimento continua anche sul sito del Teatro Stabile di Bolzano www.teatro-bolzano.it/podcast che ogni martedì e ogni sabato fino al 30 maggio, mette a disposizione un podcast per ascoltare alcuni degli spettacoli di maggior successo creati a Bolzano e presentati in tour nei principali teatri d’Italia. I titoli di questa settimana sono due testi appartenenti al panorama della drammaturgia contemporea: La fine di Shavouth di Stefano Massini, regia Cristina Pezzoli con Alvise Battain, Jacopo-Maria Bicocchi, Mattia Fabris ( Stagione 2008/2009) e  Lo strano caso della notte di San Lorenzo scritto e diretto da Roberto Cavosi e interpretato da (in o.a.) Giovanni Battaglia, Arianna Battilana, Fabio Bussotti, Edoardo Chiabolotti, Cristian Giammarini, Fulvio Falzarano, Manuela Festuccia, Michele Nani, Mario Sala, Francesco Scimemi, Stefano Trizzino e Nicolas Zappa (stagione 2016/2017).

Procede con successo e molti “like” e condivisioni l’iniziativa social del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia #cerianchetu? tesa a creare una “galleria” di emozioni da ricordare assieme agli spettatori che le hanno vissute. Ecco allora le standing ovation, i bis, gli omaggi che gli artisti hanno dedicato alla platea dopo serate indimenticabili fissati nei video che il Teatro diffonde sui propri profili Facebook e Instagram. Intanto, quotidianamente anche gli attori dalle loro case – sempre sui social dello Stabile – continuano a dedicare al pubblico deliziosi momenti di teatro: scene, poesie, creazioni. L’appuntamento dunque è doppio: ogni giorno dopo le 15 la partecipazione di #ce-rianchetu? (anche il pubblico può mandare video da pubblicare, alla mail info@ilrossetti.it) e alle 19 gli attori dello Stabile protagonisti di #TeatrodaCasa».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Tratti: l'opera d'arte va in scena nonostante il Coronavirus

    • Gratis
    • dal 11 aprile al 31 maggio 2020

I più visti

  • Montebelluna dedica una mostra a Thomas Edison: «L'uomo che inventò il futuro»

    • dal 17 novembre 2019 al 31 maggio 2020
    • Meve
  • Film a soli 3 euro dopo lo shopping: l'idea del Multisala Corso

    • dal 28 ottobre 2019 al 30 giugno 2020
    • Multisala Corso Treviso
  • A Oderzo una mostra con 50 corredi ritrovati negli scavi dell'antica necropoli romana

    • dal 23 novembre 2019 al 31 maggio 2020
    • Museo archeologico Eno Bellis
  • Pillole di bon ton sul web con l'imprenditrice Giuliamaria Dotto Pagnossin

    • Gratis
    • dal 27 marzo al 31 luglio 2020
    • ogni venerdì nei canali ufficiali dell’agenzia di eventi (basterà digitare @giuliamariadotto su Youtube, Facebook o Instagram)
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento