menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La compagnia teatrale "Soggetti smarriti" va in scena al Teatro Comunale

Il gruppo di attori trevigiani che hanno da poco trionfato alla 31^ edizione del Festival Nazionale di Teatro amatoriale “Maschera d’Oro”, si esibirà con l’opera “Tramonto”

La compagnia teatrale “Soggetti Smarriti” si esibirà al Teatro Comunale “Mario Del Monaco” giovedì 16 maggio alle 21 (entrata libera e gratuita). La compagnia teatrale, che ha vinto recentemente la 31^ edizione del festival nazionale di teatro amatoriale “Maschera d’Oro 2019” su più di 70 compagnie selezionate e provenienti da tutta Italia, porterà infatti a Treviso l’opera che ha trionfato a Vicenza, “Tramonto”. La formazione della Marca aveva convinto la giuria con lo spettacolo di Renato Simoni, (regia di Franco Demaestri) che ha avuto la meglio, nella scelta finale, sulle sue più dirette avversarie: il Gruppo Giovani 2000 di Brescia con il musical “Nel regno di Oz” e il Teatro dei Dioscuri di Salerno, in lizza con “Uomo e galantuomo” di Eduardo De Filippo. 

Con la vittoria al Festival, la compagnia ha conquistato anche l’abbinato Premio Faber Teatro, messo in palio da Confartigianato Imprese Vicenza e giunto proprio quest’anno alla 25ª edizione: grazie a questo riconoscimento “Soggetti Smarriti” avrà il privilegio di esibirsi sabato 25 maggio anche all’Olimpico di Vicenza, gioiello di Andrea Palladio. La compagnia, presieduta da Maria Rosa Maniscalco, è di recentissima costituzione e presenta un repertorio in dialetto e in lingua da troppo ingiustamente dimenticate. Alcuni componenti della compagnia si sono distinti in passato con i seguenti riconoscimenti: tra questi Alessandro Tognetti, Alda Capodaglio, Maria Rosa Maniscalco e Raffaello Padovan. Questi ed altri membri della compagnia hanno collaborato per lungo tempo con attori di indiscussa fama quali Gino Cavalieri, Milena Capodaglio, Toni Barpi, Wanda Benedetti, Paolo Trevisi.

In "Tramonto" di Renato Simoni tutto viene raccontato nell'interno claustrofobico di una casa patrizia dove il conte Cesare esercita il suo potere assoluto appoggiato dalla tetragona rigidità dell'anziana Baronessa, sua madre. Ma non potrà il Conte parare la vendetta di un subalterno scacciato che gli ricorda il sospetto di un amante della Contessa sua moglie. E sarà questa scintilla che attizzerà l'incendio della sua anima. Crolleranno le sue certezze e la sua protervia si sgretolerà fino a paragonarsi ad un "Arlechin finto principe"! Scritto nel 1906 Tramonto pare si carichi anche del valore della preveggenza di quello che accadrà un decennio più tardi con lo stravolgimento di un mondo che finirà per sempre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento