I musicanti di brema, la diversità è un valore da coltivare: il debutto al Sant'Anna

Domenica 10 marzo alle 17.00 al Teatro Sant’Anna
PRIMA NAZIONALE DEL NUOVO SPETTACOLO DE GLI ALCUNI
“I MUSICANTI DI BREMA” con Polpetta & Caramella:
la diversità è un valore da coltivare.

Domenica 10 marzo alle 17 al Teatro Sant’Anna nuovo appuntamento per “UNA FETTA DI TEATRO”, fortunato cartellone di spettacoli per bambini e famiglie ideato e proposto da Gli Alcuni.
La compagnia teatrale Gli Alcuni con la simpatica coppia formata da Polpetta e Caramella (le attrici Laura Feltrin e Margherita Re) presenta in PRIMA NAZIONALE “I MUSICANTI DI BREMA”, per la regia di Davide Stefanato.
Lo spettacolo cerca di rispondere alla domanda: “Perché arrendersi di fronte ai problemi se, con impegno e solidarietà, anche la diversità si rivela un mezzo per trovare una soluzione?”
La favola dei fratelli Grimm, proposta sul palco in una nuova e interessante rilettura dalle attrici de Gli Alcuni, tratta tematiche molto attuali: la diversità, il rifiuto da parte degli altri, il riconoscimento delle proprie risorse e l’importanza della collaborazione nel superamento delle difficoltà.
LO SPETTACOLO – Polpetta e Caramella ci narrano la fiaba de I Musicanti di Brema, avvalendosi del prezioso aiuto dei Mini Cuccioli. La storia narra di quattro animali accomunati da una sfortunata sorte: l’asino aveva perso la sua energia e non riusciva più a trainare il carro, il cane si stancava a seguire il cacciatore nelle battute di caccia, il gatto aveva cambiato dieta, il gallo si svegliava ogni giorno più tardi e come sveglia non funzionava più. Ma i nostri amici non si arrendono e decidono di partire all’avventura e di cercare fortuna a Brema, inventandosi il mestiere di “musicanti”. Lungo la strada cercano riparo in una casa e… il resto lo conoscete bene!

L’attrice Laura FELTRIN, sul palco nel ruolo di Polpetta, spiega: “Questa favola ci dà la possibilità di affrontare ben due tematiche: la MUSICA e la COOPERAZIONE. Infatti i musicanti per reinventarsi una vita decidono di affrontare questa forma d'arte, scoprendo che per eseguire della buona musica bisogna prima conoscerla. Attraverso simpatiche gag e piccole divertenti interrogazioni Polpetta metterà alla prova l’amica Caramella facendole riconoscere i vari generi e strumenti musicali. Il secondo messaggio dello spettacolo è che l'unione fa la forza. Il concetto di cooperazione è molto presente perché si cerca di trasmettere l’insegnamento che lavorando assieme tutto diventa non solo più facile, ma anche più divertente: insieme si possono raggiungere degli obiettivi che se affrontati da soli risultano insuperabili”.

La PARTECIPAZIONE è un punto fondamentale di tutti gli allestimenti teatrali de Gli Alcuni ed è diventato una sorta di “marchio di fabbrica” che permette ai giovani spettatori di vivere il teatro come un'esperienza tutt'altro che passiva e, anzi, incredibilmente coinvolgente. Lo spettacolo vive del costante coinvolgimento dei giovani spettatori che partecipano, aiutando lo sviluppo della fiaba.

Costi e orario biglietteria – Ingresso euro 5,50 – gratuito sotto i 3 anni | tessera 5 ingressi 25 euro - tessera 10 ingressi 45 euro. La biglietteria è aperta da lunedì a venerdì con orario 9-12,30 e 15-18,30; domenica 10-12 e 15-17,30. Per informazioni: 0422.421142 – teatro@alcuni.it – www.teatrosantanna.it.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Ero uno zombie ma sono guarita": la battaglia di Anna contro l'anoressia diventa una mostra

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 30 aprile 2021
    • Trieste, via Cau de Mezo
  • Coronavirus, Mister Italia 2020 non si ferma e diventa "Mister Italia Web"

    • Gratis
    • dal 30 marzo 2020 al 12 aprile 2021
  • Steve McCurry in mostra a Palazzo Sarcinelli con "Icons"

    • dal 23 dicembre 2020 al 2 maggio 2021
    • Palazzo Sarcinelli
  • "Treviso urbs picta" - Visite guidate

    • dal 21 febbraio al 14 marzo 2021
    • Fondazione Benetton Studi Ricerche
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento