menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cinema, libri e fumetti: a Treviso c'è la settimana contro l'omofobia

Fino al 18 maggio la città sarà protagonista di una serie di eventi contro la discriminazione sessuale promossi dal Coordinamento trevigiano Lgbt

TREVISO- Un ricco programma di eventi ed incontri per sensibilizzare tutta la cittadinanza su un tema molto discusso come quello dell'omofobia. Treviso si prepara così a celebrare nel migliore dei modi la data del 17 maggio 2015, giornata internazionale contro le discriminazioni omofobe e contro la transfobia. Temi sempre attuali che molta gente fatica ancora a conoscere nei dettagli.

Per sensibilizzare la città sul tema, il Coordinamento Lgbt di Treviso ha organizzato e promosso una serie di eventi a partire dal prossimo fine settimana. Venerdì 15 maggio si terrà, alle ore 18:30, alla presenza degli autori, la presentazione di “Aleagio” e “I fuochi della sera” e l’inaugurazione della mostra dedicata al fumetto digitale “Gennaio” di Giopota. Seguirà aperitivo LGBTE e live showcase dell’autore con proiezione sui muri esterni del locale. Domenica 17, Giornata internazionale contro l’omofobia, l’isola della Pescheria, nel cuore del capoluogo, sarà teatro (dalle 15 alle 17), di Fattela raccontare! Libri viventi raccontano le proprie storie di vita, in collaborazione con Biblioteca Vivente di Treviso. Infine, domenica 18 maggio alle ore 20:30, al cinema Edera sarà proiettato il documentario “Una nobile rivoluzione” di Simone Congelosi, sulla vita di Marcella Di Folco, leader del movimento LGBT italiano scomparsa nel 2010.

In una sentita nota pubblica, il Coordinamento trevigiano ha voluto spiegare le motivazioni che hanno portato alla realizzazione di questa iniziativa: "Aprire la città alle tematiche Lgbt e promuovere un dialogo vivo e partecipato con le Istituzioni locali e con la rete delle Associazioni del territori è l’obiettivo ci poniamo al fine di sensibilizzare la società trevigiana contro l’omofobia e le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere. Perché anche a Treviso e nella Marca esistano le condizioni personali e sociali in cui ogni individuo possa realizzarsi, in un contesto di uguaglianza e di serenità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Notizie

Bollo auto 2021: il Veneto proroga la scadenza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento