“Bio Explorer”: presentata al pubblico la macchina che riduce a zero l'uso del glifosato

Il macchinario, molto usato nella Marca, permette di tenere pulito la parte del sottofila del vigneto tra le vigne, di ridurre del 40% la dispersione sui trattamenti e di abbattere le immissioni di CO2

Si chiama “Bio Explorer” e già un centinaio di imprenditori agricoli della Marca la stanno usando. E’ una delle 14 tecnologie premiate nel corso della terza edizione di “Vite in campo” giunta alla conclusione a Susegana.  La nuova macchina permette di ridurre a zero l’uso del Gliphosate (diserbo), di tenere pulito la parte del sottofila del vigneto tra le vigne, di ridurre del 40 per cento la dispersione sui trattamenti e di abbattere le immissioni di CO2. Il presidente del Condifesa TVB Valerio Nadal ha commentato: “Vite in Campo è il luogo in cui il dialogo tra viticoltori e costruttori porta alla soluzione dei problemi reali. Questo è possibile nel contesto di una delle più prestigiose fiere in movimento a livello nazionale che vanta oltre 200 macchine operative in campo”. Per il direttore del Condifesa TVB “gli oltre 2200 visitatori di questa edizione sono la testimonianza chiara di quanto è forte la volontà di puntare sulla sostenibilità in agricoltura”. Gianluca Fregolent vice direttore “Sviluppo economico” della Regione “Verrà data agli agricoltori la possibilità di coltivazione in prossimità delle abitazioni solo se utilizzeranno macchine a basso impatto e con tecnologie che riducono le derive”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tecnologia, formazione e gestione efficace delle pratiche agricole, questi gli ingredienti delle colline Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco per una viticoltura rispettosa dell’ambiente. È quanto emerge dal convegno “Vite e territorio: convivenza possibile con l’innovazione”, tenutosi ieri sera, l’evento dedicato alla viticoltura innovativa e sostenibile che ha portato tra i vigneti dell’azienda agricola Conte Collalto (Susegana, TV) 2.200 professionisti da tutto il Paese. Numeri che confermano il grande interesse per la rassegna green giunta quest’anno alla sua terza edizione e organizzata da Condifesa Treviso, Vicenza e Belluno (TVB) in collaborazione con il Consorzio di tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg, il Consorzio di tutela Prosecco Doc e il Consorzio tutela vini Asolo Montello, sotto il coordinamento de L’Informatore Agrario e Vite & Vino. “Stimolare un approccio sostenibile alla viticoltura è l’obiettivo del convegno di Vite in Campo e dell’intera manifestazione, per favorire un’economia circolare e sempre più responsabile a beneficio degli abitanti e dell’ambiente del territorio – ha detto Antonio Boschetti, direttore delle testate professionali della casa editrice veronese -.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento