Treviso stanzia 7,5 milioni di euro per l'acquisto di 18 nuovi bus elettrici

La Giunta comunale ha approvato martedì 3 novembre la destinazione dei fondi statali per il piano di mobilità sostenibile. Scelta strategica nel rispetto dell'ambiente

Bus elettrico Mom (Foto d'archivio)

Sette milioni e mezzo di euro per la mobilità sostenibile. La Giunta comunale ha approvato la scheda tecnica per l’acquisto di bus elettrici con i 7.523.925 euro stanziati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nell’ambito del Piano strategico nazionale della mobilità sostenibile. 

Le risorse destinate ai Comuni capoluogo assegnatari ammontano a 66 milioni nel 2019 e 83 milioni dal 2020 al 2023 rinnovo del parco degli autobus dei servizi di trasporto pubblico locale e regionale oltre che per il miglioramento della qualità dell’aria. Il finanziamento è rivolto, come prevede la norma, a progetti sperimentali e innovativi di mobilità sostenibile coerenti con i Piani urbani per la mobilità sostenibile (PUMS) per l’introduzione di mezzi su gomma presentati dai comuni e dalle città metropolitane anche per la limitazione dell’inquinamento di Pm10 e biossido di azoto. L'amministrazione comunale ha così previsto, in virtù di una precisa scelta strategica, l’acquisto di bus 100% elettrici con lo scopo di dare seguito contenuti del Piano urbano della mobilità sostenibile e del Piano del trasporto pubblico urbano che prevedono la riorganizzazione delle linee bus, in particolare la sostituzione del servizio di trasporto pubblico effettuato nel centro storico con navette elettriche. L’importo totale destinato ai mezzi sarà di 6 milioni e 840mila euro mentre 683.924,81 euro saranno destinati alle infrastrutture di supporto e ai piani esecutivi. 

«Grazie a questo stanziamento si potrà attuare uno dei punti più importanti del Piano urbano della mobilità sostenibile, che verrà ultimato a giorni e sottoposto alla cittadinanza per la seconda fase del processo partecipativo - sottolinea il vicesindaco Andrea De Checchi - Oltre all’aumento dei servizi legati alle bici, alla revisione del bikesharing e a sfruttare le opportunità legate alla nuova velostazione, andremo ad implementare la mobilità ad emissioni zero. Mobilità e ambiente, nella nostra visione di Città, vanno di pari passo, per dare finalmente corso alla rivoluzione del trasporto pubblico locale Dentro Mura che, nei prossimi anni, dovrà essere effettuato solo ed esclusivamente mediante navette». «Andremo ad investire queste risorse sull’acquisto di mezzi il cui costo si aggira intorno ai 400 mila euro ciascuno. Con i 6,8 milioni potremo dunque acquistare circa 18 navette - afferma l’assessore alle Politiche ambientali Alessandro Manera - Ciò permetterà di abbattere drasticamente le emissioni nel trasporto pubblico o addirittura di azzerarle in centro storico con una ricaduta positiva su tutto il territorio comunale. Inoltre, la destinazione degli stanziamenti all’acquisto di bus 100% elettrici è la prima grande scelta amministrativa da quando si è deciso di riunire sotto un’unica regia dirigenziale i settori Mobilità, Ambiente e Politiche comunitarie».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento