Ecoincentivi caldaie, 200mila euro per la sostituzione dei vecchi impianti

Il Comune di Treviso ha deciso di stanziare fino a 30mila euro per l’efficientamento dei sistemi condominiali. Investimento aumentato rispetto al 2019

Sono stati rinnovati dalla Giunta comunale di Treviso gli ecoincentivi la sostituzione degli impianti termici. L’investimento è aumentato sensibilmente rispetto al 2019, passando da 185 a 200 mila euro per il 2020 con un impegno analogo per il 2021.

Il provvedimento è finalizzato a promuovere l’efficientamento del parco caldaie, principali responsabili dell’inquinamento e della concentrazione di Pm10 nell’aria. In particolare, si è voluto agire aumentando i contributi per gli impianti più grandi mirando a quelli condominiali. Il nuovo bando si articola con ulteriori configurazioni rispetto al 2019 fra le quali l’introduzione di un sistema ibrido, impianto in cui sono presenti più generatori di calore alimentati da diverse fonti di calore, solitamente un combustibile fossile e una fonte rinnovabile. Entrando nel dettaglio, è previsto un contributo fisso di mille euro per la sostituzione della caldaia a gas con un nuovo generatore a condensazione gas/gpl o 60 euro/kilowatt per la sostituzione della caldaia a gas con un sistema ibrido (vale a dire una caldaia a condensazione a gas/gpl più una pompa di calore ad alta efficienza). Per gli impianti autonomi e condominiali superiori a 35 kW è previsto un contributo fino a 30 mila euro (50 euro/kW) per la sostituzione della caldaia a gas con un nuovo generatore a condensazione a gas o per la sostituzione della caldaia a gas con un sistema ibrido (70 euro/kW). Per quanto riguarda i vecchi impianti a gasolio con un nuovo generatore a condensazione a gas/gpl ci sarà un contributo di 80 euro/kW per la sostituzione con un nuovo generatore a condensazione a gas/ gpl e 100 euro kW per la sostituzione con un sistema ibrido (caldaia a condensazione gas/gpl più una pompa di calore ad alta efficienza). Per gli impianti autonomi e condominiali superiori a 35 kW il contributo sarà di 150 euro/ kW fino a 30mila euro per la sostituzione della caldaia a gasolio con un nuovo generatore a condensazione gas/gpl e 180 euro /kW (fino ad un massimo di 30mila euro) per la sostituzione con un sistema ibrido.

«Siamo veramente soddisfatti per questo investimento su ambiente e salute pubblica, aspetti fondamentali, soprattutto in questo momento storico, nella quotidianità dei cittadini - afferma l’assessore alle Politiche ambientali Alessandro Manera - Siamo certi che l’efficientamento degli impianti termici e la riforestazione urbana determineranno un forte incremento della qualità dell’aria nel nostro territorio. È la prima volta che un'amministrazione comunale impegna risorse in modo così importante, continuativo e duraturo. Ci aspettiamo l’utilizzo di questi ecoincentivi soprattutto per le strutture condominiali che attualmente sono dotate di impianti obsoleti e dunque particolarmente inquinanti. Il periodo di stop del traffico veicolare e aereo ha evidenziato come il riscaldamento domestico influisca sensibilmente sulla concentrazione di polveri sottili. Ecco perché abbiamo voluto agire in maniera così forte con incentivi alla sostituzione delle caldaie». Nei prossimi giorni verrà pubblicato il bando nel sito web istituzionale del Comune di Treviso con possibilità di inoltrare le domande fino al 30 ottobre 2020. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento