Torna "Territorio fiorito”, II edizione del concorso che coinvolge nove comuni dell’Alta Marca

Una competizione virtuosa. Una gara fra ‘pollici verdi’ per rendere più attrattivo il territorio. Questa l’idea di fondo e la mission di “Territorio Fiorito”, il concorso voluto dal Consorzio delle Pro Loco di Valdobbiadene, gestito dall’Ufficio Turistico e giunto alla seconda edizione. Una iniziativa cha coinvolge nove amministrazioni comunali: Cison di Valmarino, Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Segusino, Vidor e Valdobbiadene.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Evidentemente, in tempi di Covid-19, anche l’organizzazione di un concorso deve vedersela con le nuove disposizioni di sicurezza dettate dalla pandemia; ne consegue una doverosa semplificazione sia nei contenuti che nelle modalità di valutazione: “Abbiamo optato per un’unica categoria, i privati - spiega Isidoro Rebuli, presidente del Consorzio -, per rendere più facile la gestione. Quanti vorranno competere, lo faranno a suon di gerani, petunie, rose, magnolie e sfoggiando balconi, giardini, terrazzi e poggioli. Una sfida creativa e gioiosa per rendere ancora più belli i nostri paesi, con le loro viuzze e le loro piazze, che oggi più di sempre hanno bisogno di essere esaltate e riempite di colorata e palpitante vita”. “Vogliamo stimolare l’estro personale - prosegue Tommaso Razzolini, assessore al turismo di Valdobbiadene e promoter dell’iniziativa - e insieme la cultura del bello, nonché la cura del paesaggio, inteso nel suo insieme, senza confini di campanile. Un progetto che coinvolge e appassiona tutti gli assessorati al turismo”.

Il progetto dello IAT resta infatti finalizzato alla valorizzazione dei centri cittadini di tutti i comuni che rientrano nel protocollo d’intesa turistico, attraverso la partecipazione attiva delle comunità, per formare, stimolare e promuovere la vocazione di un territorio che sta per festeggiare il primo anno di Unesco dovendo, per paradosso, fare i conti con la più grave crisi turistica di tutti i tempi. “Non temiamo la sfida - avverte Isidoro Rebuli -. Beninteso, il coronavirus ha colpito duro l’intero comparto, ma non demordiamo. Cercheremo di reagire, aiutando le imprese in difficoltà e lavorando per loro. Il concorso “Territorio Fiorito” si inserisce proprio su questo solco. E’ importante essere sodali e agire in modo coeso. Siamo sicuri che il fascino delle nostre colline e l’inimitabile propensione all’accoglienza dei nostri operatori, ristoratori, baristi, albergatori, avranno la meglio”. Per partecipare, è sufficiente inviare, entro il 29 giugno, una foto del proprio ‘angolo verde’ all’indirizzo info@valdobbiadene.com (corredata dai dati personali). Il concorso sarà interamente gestito sulla pagina Facebook del Consorzio Valdobbiadene, compresa la fase di valutazione, che sarà letteralmente nelle mani dei “mi piace”. Le foto saranno pubblicate fra il 1° e il 2 luglio prossimi e sottoposte a giudizio popolare, insindacabile. La cerimonia di premiazione sarà organizzata, in ottemperanza con le disposizioni di sicurezza introdotte dal Covid-19, in luogo e data da destinarsi.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento