Rivoluzione green per i mezzi Contarina: il 60% andrà a metano

Al via un progetto realizzato in collaborazione con Liquigas che realizzerà un impianto di stoccaggio ed erogazione del metano nella sede di Lovadina a Spresiano

L'accordo tra Liquigas e Contarina

Contarina converte a metano il 60% dei mezzi impiegati per la raccolta porta a porta, attualmente per la maggior parte a gasolio. Riduzione delle emissioni di CO2 del 23,6% e 90% in meno di PM10: questi sono i principali vantaggi del nuovo progetto realizzato in collaborazione con Liquigas, società leader in Italia nella distribuzione di GPL e GNL per uso domestico, commerciale e industriale, che realizzerà un impianto di stoccaggio ed erogazione del metano nella sede di Lovadina a Spresiano. Le due aziende hanno presentato oggi la nuova partnership che consentirà la riconversione del 60% della flotta di automezzi di Contarina, attualmente per la maggior parte a gasolio, grazie alla realizzazione e all’approvvigionamento da parte di Liquigas di un impianto di stoccaggio ed erogazione di GNL e gas naturale, adeguato al rifornimento di mezzi pesanti e leggeri, impiegati per il servizio di raccolta dei rifiuti in tutti i 49 Comuni serviti. L’impianto sarà progettato e costruito da Energo Servizi Srl società del Gruppo SHV Energy partecipata al 30% da Liquigas Spa presso la sede aziendale di Contarina a Lovadina di Spresiano.

L’azienda trevigiana, inoltre, grazie all’utilizzo della piattaforma Smartness in Waste Management di Ancitel Energia e Ambiente, potrà monitorare puntualmente le performance ambientali con indicazione - in tempo reale - dei quantitativi di CO2 equivalenti e di polveri sottili generate durante la fase di trasporto dei rifiuti, confrontandoli con quelli prodotti usando combustibili tradizionali. L’utilizzo del GNL (gas naturale liquefatto) e del GNC (gas naturale compresso) comporta rilevanti vantaggi ambientali: l’impiego di combustibili puliti, infatti, consente di ridurre drasticamente le emissioni di CO2 e le polveri sottili, diminuendo l’inquinamento dell’aria e i conseguenti rischi per la salute. Tanti sono i vantaggi ambientali legati allo switch da gasolio a GNL: in generale, quest’ultimo emette il 23,6% in meno di emissioni di CO2, il 98,8% in meno di SO2 – anidride solforosa, e 90% in meno di PM10.

«Da tempo abbiamo deciso di riconvertire il nostro parco mezzi verso sistemi ad alimentazione green: abbiamo già in uso una sessantina di mezzi che impiegano carburanti alternativi. Questo progetto segna un ulteriore importante passo per lo sviluppo di una flotta a basso impatto ambientale: oltre 330 mezzi saranno convertiti a metano. Inoltre, in futuro l’impianto potrà distribuire il bio-metano, un carburante sostenibile prodotto dal trattamento del rifiuto umido e vegetale raccolto porta a porta nei nostri Comuni: un’altra concreta iniziativa di economia circolare»: spiega il Presidente di Contarina Spa, Franco Zanata.

«I combustibili gassosi rappresentano oggi la migliore risposta all’esigenza, sempre più sentita da cittadini e amministratori, di ridurre l’inquinamento dell’aria nei centri urbani e quindi diminuire i rischi per la salute. Insieme a Contarina proponiamo un modello virtuoso per migliorare l’impatto ambientale delle flotte urbane, favorendo soluzioni di economia circolare in grado di valorizzare i rifiuti urbani trasformandoli in fonti di energia pulita»: sottolinea Andrea Arzà, Amministratore Delegato di Liquigas.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Con questa operazione, la prima in Italia con la formula del partenariato pubblico-privato, diamo un segnale importante a tutte le aziende del Waste Management che dovranno giocoforza iniziare ad utilizzare combustibili meno inquinanti quali il gnl -ha sottolineato Filippo Bernocchi, Presidente di Ancitel EA Spa- Questo passaggio è oggi più che mai necessario per poter perseguire i criteri di sostenibilità e generare valore in termini ambientali, sociali e non ultimo economici, per poter fare tutti insieme un salto culturale che consenta di realizzare il modello di economia circolare, come unica opportunità di preservare il nostro pianeta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento