Domenica, 25 Luglio 2021
Green

Electrolux, i sindacati: "Si coprano i parcheggi con pannelli fotovoltaici"

L'idea delle Rsu aziendali è volta ad una maggior tutela dei lavoratori e dell'ambiente

Le RSU Fim Fiom Uilm di Electrolux Susegana hanno scritto alla direzione aziendale per chiedere di costruire delle coperture utili a proteggere le auto dei dipendenti. "L'ennesima grandinata in settimana, che colpito anche l'area dello stabilimento di Susegana, ha fatto danni notevoli, su un bene costoso e prezioso come l'auto, mezzo necessario ai dipendenti per recarsi al lavoro, visto tra l'altro la totale assenza di mezzi pubblici collettivi per raggiungere il sito industriale. Una assenza dettata da ragioni politiche incomprensibili, vista l'alta concentrazione di lavoratori nella ampia zona industriale" dicono i sindacati.

I rappresentanti dei lavoratori ritengono non sia accettabile che i dipendenti debbano subire la grave conseguenza dei sempre più frequenti anomali eventi atmosferici: “Abbiamo visto colleghi piangere per i danni subiti,  la grandine era più grossa di palline da golf e pochi sono assicurati. Molti non si possono permettere spese così ingenti per sistemare i danni. L'azienda non prevede né assicurazioni né interviene per sostenere i lavoratori colpiti dai danni. L'operaio in turno di lavoro non ha la possibilità neanche di accorgersi di quanto sta per accadere e prendere contromisure. È in totale balia degli eventi".

La soluzione, proposta anche nelle assemblee tenute dalla RSU venerdì 2 luglio con i lavoratori, sarebbe quella di spingere per una copertura di tutti i parcheggi con impianti a pannelli fotovoltaici, di tutto l'immenso parcheggio, con il doppio effetto di proteggere dal sole e dalle intemperie le auto parcheggiate sotto le pensiline e al contempo produrre una ingente quantità di energia rinnovabile e pulita, utile a contribuire al funzionamento del sito industriale oggi funzionante "con la sempre meno compatibile energia fossile e, perché no, con una presa per caricare le auto elettriche parcheggiate, volendo favorire un serio sguardo al futuro della mobilità".

Una soluzione che permetterebbe di anticipare i tempi e sarebbe in linea con le indicazione del piano europeo, con il PNRR, con i piani regionali e con la policy aziendale della multinazionale per una “fabbrica ecosostenibile”. Un progetto che Electrolux ha lanciato da tempo per l'autosufficienza energetica degli stabilimenti entro il 2030, ma che per ora fatica tradursi in concreto. Solo da poco più di un anno è in corso la parziale copertura dei capannoni con pannelli fotovoltaici e un display all'entrata dello stabilimento offre in tempo reale la quantità di energia prodotta e l'impronta ambientale raggiunta CO2 conseguente. L'ipotesi è dunque quella di un investimento che si auto paga e proietta l'impresa su una dimensione green, offrendo plurimi vantaggi a tutti. "La RSU ha chiesto un incontro sul tema e conta che l'azienda apra al un confronto su questa proposta per attuarla in tempi stretti" dichiara Augustin Breda, storico leader degli operai. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Electrolux, i sindacati: "Si coprano i parcheggi con pannelli fotovoltaici"

TrevisoToday è in caricamento