Giovedì, 16 Settembre 2021
energia Corso Mazzini

Inquinamento luminoso, a Montebelluna risparmi per oltre 200mila euro all’anno

Il Consiglio comunale ha approvato nelle scorse settimane il Piano dell’illuminazione per il contenimento dell’inquinamento luminoso (Picil)

Il Consiglio comunale di Montebelluna ha approvato nelle scorse settimane il Piano dell’illuminazione per il contenimento dell’inquinamento luminoso (Picil), lo strumento di azione per la salvaguardia del territorio e la valorizzazione ambientale congiuntamente al contenimento dei consumi energetici. Si tratta di un Piano redatto dallo Studio De Marco Ingegneria per il quale il Comune ha stanziato circa 36mila euro e che risponde alla legge regionale 17 del 2009 riguardante le Nuove norme per il contenimento dell'inquinamento luminoso, il risparmio energetico nell'illuminazione per esterni e per la tutela dell'ambiente e dell'attività svolta dagli osservatori astronomici.

Lo studio contiene innanzitutto una diagnostica della dotazione luminosa del Comune la cui rete di illuminazione pubblica consta al momento di 137 quadri elettrici e 4885 punti luminosi di cui 319 a Led e i restanti in FLC – Fluorescente compatta, Jm - Ioduri / Alogenuri metallici, Hg - Vapore di Mercurio e SAP - Sodio Alta Pressione. Di questi la maggior parte sono punti luce stradali (2985) e globo (915), mentre per quanto riguarda i supporti, la maggioranza è rappresentata da pali stradali (3530), da pali di arredo urbano (433) e da pali artistici (267). Interviene l’assessore ai lavori pubblici, Michele Toaldo: “Lo studio include anche una prima pianificazione di interventi finalizzata all’efficientamento energetico prevedendo un costo complessivo di 2 milioni 550mila euro. Una prima serie di interventi di minima per un complessivo di 960mila euro circa comprende la sostituzione di 1497 lampade non conformi e l’armatura stradale di 2864 punti luce.

Quindi si provvederà alla Sostituzione dei quadri elettrici e allo spostamento delle forniture di energia e/o quadri elettrici in area pubblica e il rifacimento degli impianti presso ambiti non illuminabili correttamente (Corso Mazzini - Via XXX Aprile - Via Montegrappa, Via Bacchieghe, Via Natisone): questi interventi saranno finanziati con parte delle risorse destinate all’efficientamento energetico finanziate col recente decreto crescita che ha raddoppiato i fondi portandoli a 260mila euro per il Comune di Montebelluna. Infine, è prevista la sostituzione delle 3069 lampade esistenti con delle nuove dotate di tecnologia a LED”.

Aggiunge il vicesindaco reggente, Elzo Severin: “Con la redazione del Piano avremo maggiori possibilità di accesso ai bandi di finanziamento destinati all’efficientamento energetico della rete di illuminazione pubblica e agli edifici pubblici. Inoltre, con i vari interventi previsti, di otterrà un risparmio energetico del 63% con ricadute importanti anche dal punto di vista economico per la fornitura di energia elettrica che passerà da circa 320mila euro ad uno stimato di 204.500 euro annuali”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento luminoso, a Montebelluna risparmi per oltre 200mila euro all’anno

TrevisoToday è in caricamento