Fridays For Future: «Abbiamo bisogno di parchi e ciclabili, non di supermercati»

Il collettivo protesta per le nuove colate di cemento previste dal Comune di Treviso: «Si fermi la distruzione della campagna rimasta a tutela del clima e del nostro futuro»

Uno dei cartelli di Fridays For Future Treviso

«Una colata di cemento ci seppellirà». Con queste parole il collettivo di Fridays For Future Treviso ha voluto commentare la notizia «dell’ennesima area commerciale che dovrebbe sorgere all'incrocio tra Strada San Pelajo e Viale della Repubblica. Non bastano i 3000 mq del nuovo supermercato Alì, sempre in Strada Ovest. Non basta il nuovo insediamento che arriverà alla rotonda dell’ospedale con il completamento del Terraglio Est: 72.000 mq di cui 38.000 commerciali. Non basta il 19% di consumo di suolo che registra la provincia di Treviso. Sembra di vivere un déjà vu: la fase due non ha nulla di diverso dallo sviluppo, fatto di asfalto, cemento e distruzione, che ci ha portato al Covid-19».

Proprio per questo motivo, nell'area verde di fronte al Lidl lungo viale della Repubblica, nella giornata di venerdì si è tenuta un'assemblea pubblica sul consumo di suolo per promuovere una campagna a tutela di questa preziosa risorsa ecologica, a pochi metri da dove verrà costruito un nuovo supermercato. «Il nuovo Alì di Strada Ovest, l'area Sant'Angelo 3, il supermercato di Santa Maria del Sile, il Parco Tematico di Casale sul Sile sono solo alcune delle lottizzazioni che si stanno per abbattere in Comune e in provincia - dichiarano i militanti di FFF Treviso - Dobbiamo fermare la distruzione della campagna rimasta a tutela del clima e del nostro futuro. Servono azioni e iniziative per promuovere una nuova gestione del territorio che tuteli da subito le aree verdi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Molte persone sono contrarie a tutte le colate di cemento che stanno avvenendo nel nostro territorio, adesso è il momento di mobilitarci e fermare questa devastazione irreversibile dei luoghi che viviamo ogni giorno. Cambiamo rotta subito. Salviamo Treviso, salviamo il nostro futuro. Fermiamo la bulimia dei supermercati» concludono i ragazzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento