Blitz, al posto del market un parco pubblico dedicato alle Donne Mapuche

I ragazzi del collettivo di Fridays For Future, a due passi dalla zona Appiani, hanno manifestato contro la "politica del cemento" operata dal Comune di Treviso

Un momento del sit-in

«Oggi siamo entrati nell'area Repubblica 1, dove vorrebbero costruire un altro supermercato. Come Fridays For Future Treviso sentiamo la necessità di opporci a questa politica che svende il territorio in nome del profitto di pochi. Per questo vogliamo ridare questa area alla città piuttosto che il settimo market in  soli 5 km di strada. Abbiamo la necessità di resistere alla devastazione per poter esistere, per garantirci un futuro. Il Veneto è la regione che cementifica di più in Italia e il primato all'interno della regione va alla provincia di Treviso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Per questo abbiamo deciso di restituire questo prato alla cittadinanza e di inauguralo come parco pubblico dedicato alle donne mapuche che ogni giorno lottano contro la devastazione del loro territorio da parte delle multinazionali, prima fra le quali Benetton - continuano dal collettivo trevigiano - Siamo vicini a questi popoli in lotta e anche noi siamo intenzionati a lottare senza arrenderci per difendere il nostro territorio e il nostro pianeta. Dai mapuche mutuiamo il concetto di recupero territoriale attraverso cui rivendicano l'autonomia sui territori, per proteggerli dallo sfruttamento e dalla distruzione delle multinazionali. Le aree verdi sono fondamentali all'interno delle città perché assorbono la CO2 e l'acqua piovana che crea sempre più danni perché il suolo cementificato non è in grado di assorbirla. I risultati di queste politiche del cemento le stiamo pagando noi sulla nostra pelle e non siamo più disposti a farlo. I nostri corpi saranno scudi a protezione del verde e del nostro futuro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento