Domenica, 16 Maggio 2021
life

A Ecomondo l'iniziativa "Tenga il resto": Contarina e CiAl contro lo spreco alimentare

Il progetto consiste nel fornire gratuitamente ai ristoratori coinvolti 100mila vaschette in alluminio per permettere ai propri clienti di portare a casa gli avanzi del pasto non consumato

TREVISO Nel mondo una persona su 8 soffre la fame e un terzo del cibo prodotto - pari a 1,3 miliardi di tonnellate - viene sprecato e gettato, diventando così un rifiuto. Lo spreco del cibo è un tema di grande attualità che viene percepito come un problema etico, oltre che ambientale. Per questo Contarina, attenta a promuovere buone pratiche per ridurre la produzione di rifiuti e limitare gli sprechi, ha deciso di aderire a “Tenga il Resto”, un’iniziativa nazionale contro lo spreco alimentare, promossa in tutti i 50 Comuni in collaborazione con CiAl – il Consorzio per gli Imballaggi in Alluminio.

Il progetto consiste nel fornire gratuitamente ai ristoratori coinvolti 100mila vaschette in alluminio per permettere ai propri clienti di portare a casa gli avanzi del pasto non consumato. Nei locali che esporranno la locandina del progetto sarà possibile richiedere questa confezione personalizzata senza alcuna spesa aggiuntiva. Come ha spiegato in conferenza stampa il Direttore Generale di Contarina Michele Rasera: “ll nostro impegno è di lavorare affinché la lotta allo spreco alimentare si affianchi alla gestione sostenibile dei rifiuti, che deve puntare non solo sul recupero e riciclo, ma anche sulla riduzione degli scarti alla fonte. Senza dimenticare che per ottenere risultati concreti è fondamentale sensibilizzare i cittadini per renderli più consapevoli”.

Gino Schiona, Direttore Generale CiAl, ha ricordato che: “Tenga il Resto è un'iniziativa che il nostro Consorzio ha attivato nel 2014 con il Comune di Monza e lo scorso anno ha riproposto ad Arezzo e Pordenone. Oggi lo realizziamo a Treviso e in tutti gli altri Comuni gestiti da Contarina con la finalità di legare due messaggi ambientali di grande attualità: il risparmio delle risorse e il riciclo dei materiali, e la lotta contro lo spreco alimentare. Due messaggi che gli imballaggi in alluminio, in particolare la vaschetta distribuita nei ristoranti aderenti, sposano alla perfezione. L'alluminio è un materiale riciclabile infinite volte e al 100%, tanto che la vaschetta, dopo più utilizzi, se correttamente separata in casa attraverso la raccolta differenziata, può rinascere e trasformarsi in tanti oggetti di uso comune, come una classica moka o una bicicletta. In più, la vaschetta in alluminio è l'imballaggio perfetto per salvare il cibo che avanza, per la sua resistenza, malleabilità e praticità che la contraddistingue. Oltre che, cosa da non sottovalutare, per la capacità di conservare e tenere i cibi alla loro temperatura ideale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Ecomondo l'iniziativa "Tenga il resto": Contarina e CiAl contro lo spreco alimentare

TrevisoToday è in caricamento