Al via il Metodo Asolo Montello, Giusti Wine: “Investire nell’ambiente fa bene al territorio”

Il titolare Ermenegildo Giusti: "Salvaguardare e valorizzare la natura, il paesaggio e il nostro territorio è un impegno imprescindibile per tutti gli interpreti della filiera vitivinicola"

“Salvaguardare e valorizzare la natura, il paesaggio e il nostro territorio è un impegno imprescindibile per tutti gli interpreti della filiera vitivinicola: la lungimiranza per ogni imprenditore è un investimento responsabile e un dovere nei confronti delle future generazioni”. È questo il commento di Ermenegildo Giusti, proprietario della Giusti Wine, a proposito dell’adozione da parte del Consorzio Vini Asolo Montello del documento programmatico rivolto a tutti gli operatori del comparto volto a favorire una viticoltura integrata a bassa chimicizzazione, attraverso tecniche sostenibili e responsabili, il Metodo Asolo Montello. 

“Fin dall’inizio abbiamo messo in campo pratiche agronomiche di gestione del suolo e fitosanitarie responsabili, che riuscissero a garantire la salubrità e la sostenibilità. Come imprenditore, - continua Giusti - ho sempre ritenuto importanti gli equilibri, anche quando la cultura del sostenibile non era così diffusa come oggi. Pratiche ambientali corrette richiedono importanti investimenti, ma hanno sempre ricadute sociali ed economiche positive”. I vini della cantina Giusti Wine hanno recentemente ottenuto la certificazione Sistema di Qualità Nazionale Produzione Integrata (SQNPI) per la bontà delle uve e le pratiche virtuose e sostenibili messe in campo nella produzione dei vini. Si tratta di una certificazione promossa dal Ministero delle Politiche Agricole, che coinvolge tutti gli operatori della filiera produttiva, che seguono gli standard di produzione integrata. 

La Giusti Wine è una proprietà di Ermenegildo Giusti, imprenditore canadese originario dell’area, che nel 2000 ha deciso di valorizzare il territorio di Asolo e del Montello, vocato ai vini di qualità sin dall’epoca della Serenissima Repubblica di Venezia tanto che veniva tassato maggiormente rispetto agli altri. Partito da soli due ettari di vigneto, ha sviluppato con passione il progetto arrivando oggi a oltre 70 ettari vitati, distribuiti in 10 tenute e circa 100 complessivi di proprietà, e avviando progetti importanti di promozione del territorio, come l’enoturismo, il recupero dell’antica Abbazia di Sant’Eustachio (1062), dove nel XVI secolo Monsignor Della Casa scrisse Il Galateo, e la prossima realizzazione di una avveniristica ed ecosostenibile cantina ipogea. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ermenegildo Giusti - LR-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento