Tutela del Parco del Fiume Sile: introdotti 6 mila temoletti e 20 mila piccole trotelle

Il Presidente dell’Ente Parco Sile, Arturo Pizzolon: «L'opera di preservazione dell'ecosistema faunistico del Sile è consistita in un'azione di naturalizzazione e bonifica di 150 metri»

L'Assessore di Vedelago Roberto Nicoletti e la responsabile del Parco Naturale Regionale del Sile Santina Grande

Sabato mattina è stato effettuato l'intervento di miglioramento degli habitat fluviali nel Parco del Fiume Sile, come previsto dal piano comunitario post progetto "LIFE SILIFFE", una serie di misure pianificate per tutelare i caratteri naturalistici, storici e ambientali dell'area. L'opera di preservazione dell'ecosistema faunistico del Sile è consistita in un'azione di naturalizzazione e bonifica di 150 metri per aumentarne la variabilità morfologica e offrire un habitat idoneo a trote marmorate e temoletti, specie Salmonicole tipiche di quest'area di risorgiva. Questo è stato possibile tramite l'applicazione di sette deflettori di corrente che hanno permesso la creazione di sei aree ideali per la riproduzione. 

Inoltre, l'intervento di tutela per la fauna acquatica ha anche previsto il ripopolamento di queste specie tramite l'introduzione annuale per quattro anni di 20.000 piccole trotelle di marmorata e 6.000 temoletti. Il progetto ha anche previsto l'inserimento di pali e graticciate di ramaglie di salice lungo le sponde per prevenire l'erosione e tutelare la conformazione morfologica del fiume rispetto all'area coltivata circostante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un altro passo per migliorare il nostro Sile – dichiara il Presidente dell’Ente Parco Sile Arturo Pizzolon - Piano piano stiamo cercando di concludere alcuni progetti e di metterne in campo dei nuovi, il tutto con le grandi difficoltà economiche che, oggi, rendono difficile ogni azione. Questo però non sta scoraggiando il nuovo esecutivo che nonostante tutto si sta impegnando molto. Un ringraziamento alle guardie provinciali della provincia di Treviso per il loro prezioso lavoro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento