Prato della Fiera, via libera del Comune al concorso di progettazione

Lo studio dovrà interessare, oltre a Prato della Fiera, viale Tasso, viale IV Novembre, via Callalta ed il fiume Sile. Collaborazione con l’Ordine degli architetti di Treviso

Prato della Fiera, immagine d'archivio

Un concorso di progettazione per la riqualificazione dell’area di Prato della Fiera. E’ stata approvata dalla Giunta comunale la proposta pervenuta, da parte dell’Ordine degli architetti, Pianificatori e Paesaggisti della Provincia di Treviso, per la co-organizzazione di un percorso tecnico ed amministrativo, finalizzato a una riqualificazione coerente, coordinata e completa dell’area del Prato Fiera e di viale Tasso, viale IV Novembre, via Callalta ed il fiume Sile.

Prato della Fiera è uno dei luoghi rappresentativi di Treviso che ha assunto, nel tempo, ruoli differenti a seconda delle mutate esigenze del territorio e inserito in un contesto urbano delimitato dal sistema viario e infrastrutturale rappresentato da Viale IV Novembre, dalla strada Callalta, dalla rete ferroviaria Venezia–Udine e dall’elemento di forte valenza ambientale come il fiume Sile. Nell’ambito di un rilancio ad ampio respiro dell’intera area, obiettivo peraltro fissato dall’assessorato all’Urbanistica, l’Ordine degli Architetti di Treviso ha manifestato la disponibilità propria e della “Fondazione De Albertis” (attraverso il premio omonimo avente l’obiettivo di ricordare la figura imprenditoriale del presidente della Triennale di Milano, Claudio De Albertis, recentemente scomparso) non solo di co-organizzare il concorso di progettazione ma anche di contribuire alla copertura delle spese relative ai gettoni dei componenti di giuria, ai costi per la concertazione, pubblicazione, del corrispettivo dovuto al coordinatore del concorso e ai costi di raccolta documentale, senza alcun impegno economico per l’Amministrazione comunale.

Il sindaco di Treviso, Mario Conte, commenta la notizia con queste parole: «Prato della Fiera, grazie a questo concorso di progettazione, apre le porte a un nuovo percorso tecnico e amministrativo che, sulla scorta delle esperienze di sperimentazione avvenute, può dare nuovi impulsi sotto il profilo architettonico, ambientale, storico-artistico a un’area particolarmente importante della città». «La sfida per il rilancio del Prato della Fiera richiede azioni fra di esse correlate intimamente - aggiunge l’assessore all’Urbanistica, Linda Tassinari - L’umanizzazione qualitativa degli spazi, il recupero della vocazione, la pedonalizzazione sostenibile, le funzioni che esso dovrà ospitare. L’importanza strategica ed il ruolo centrale del Prato della Fiera, ha portato ad intraprendere, nel tempo, un radicale percorso di riflessione sul suo recupero urbanistico-ambientale che ricontestualizzi l’originaria vocazione del Prato e tutte le funzioni ad esso correlate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento