rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Green San Giuseppe

A Treviso nasce Re-fè, l’innovativo “apricapsule” per separare l’alluminio dai fondi di caffè

Prodotto artigianalmente "on-demand", vuole favorire la circolarità per promuovere uno stile di vita con un impatto ambientale sempre minore

Riutilizzabile, compostabile, riciclabile e, soprattutto, modulare. Tutto questo è “Re-fè”, l’innovativo “apricapsule” per separare l’alluminio dai fondi di caffè “made in Treviso”. Ideato dal giovane designer trevigiano Federico Girotto, Re-fè è oggi prodotto artigianalmente on-demand nei primi 50 pezzi in edizione limitata. Nel dettaglio, si tratta di uno strumento modulare composto da un vasetto in vetro e da una stampa 3D in bioplastica compostabile.

Re-Fè

«Questo è il mio primo prodotto. Ne vado particolarmente fiero perché è stato realizzato anche con la collaborazione di mio fratello Gilberto, ingegnere gestionale – commenta entusiasta Federico - L’idea nasce proprio dalla sua osservazione su quante capsule del caffè sono soliti utilizzare in casa i nostri genitori e dal conseguente loro smaltimento, soprattutto di quello delle cosiddette compatibili che praticamente nessuno ricicla nella maniera corretta in quanto separare l’alluminio delle capsule dai fondi del caffè è sempre stata una operazione difficile». «Da questa riflessione ho dunque iniziato a fare ricerca, abbozzando dei disegni del prodotto e applicando man mano i suggerimenti di sostenibilità di amici come Valentina Lovat e Riccardo Sponchiado, ingegnere dei materiali dell'Università degli Studi di Padova – continua il designer trevigiano – Si è così creato un team completo che, dopo alcuni mesi di ricerca, test e prototipazione ha portato alla realizzazione di Re-fè. È stata una bella, ma anche difficile sfida vista la complicanza di riuscire a trovare materie prime in zona così da produrre in loco questo prodotto “circolare”».

Considerando che la maggior parte delle capsule di caffè non viene riciclata, con questo innovativo progetto i fondi di caffè ottenuti possono poi essere riusati in decine di modi differenti. Compatibile con molti modelli di capsule in alluminio, ma non con le capsule di plastica, Re-fè è realizzato tramite stampa 3D on-demand, fatto che permette una produzione decentralizzata senza sprechi. Il componente in bioplastica e il vaso di vetro sono poi pensati per essere intercambiabili così da prolungare la vita di Re-fè anche in previsione di nuovi modelli di capsule. Insomma, un prodotto “modulare” che punta a rivoluzionare “dal basso” il riciclo delle capsule del caffè per uno progetto che vuole favorire la circolarità per promuovere uno stile di vita con un impatto ambientale sempre minore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Treviso nasce Re-fè, l’innovativo “apricapsule” per separare l’alluminio dai fondi di caffè

TrevisoToday è in caricamento