Regione Veneto: contro l'inquinamento stessi obblighi per tutte le province

Si è svolto a Venezia un incontro con tutti i capoluoghi del Veneto nel quale la Regione ha compreso l’importanza del lavoro svolto sul protocollo aria

Tornano il primo ottobre le misure per il contenimento dell’inquinamento previste dall’accordo padano. Non sono previste sostanziali differenze per l’anno che verrà, permane l’obbligo del blocco stabile degli Euro 3 e degli Euro 4 con semaforo arancione.

Regione

Per questo nei giorni scorsi si è svolto a Venezia un incontro con tutti i capoluoghi del Veneto, nel quale la Regione, nella persona dell’assessore Bottacin, ha compreso l’importanza del lavoro che tra capoluoghi è stato svolto sul protocollo aria, dove sono state individuate misure uguali per tutti.  «Siamo soddisfatti la Regione abbia recepito l’importanza di un lavoro comune - dichiara l’assessora all’ambiente Chiara Gallani - ancora una volta abbiamo dato il buon esempio. Confido nel lavoro della nostra provincia che già si sta attivando per avviare un ragionamento complessivo di azioni virtuose per la salvaguardia della salute pubblica».

Capoluoghi

In questi giorni tutti i Comuni capoluogo stanno anche definendo le tanto discusse deroghe all’accordo padano in modo siano uniformi: «Abbiamo sempre sostenuto l’importanza dell’estensione delle misure a tutti i comuni contermini, così come siamo convinti sia meglio un provvedimento uniforme rispetto ad una sola città obbligata a mettere in campo azioni forti. - prosegue l'assessore Gallani - Quest’anno tutti i sette capoluoghi di provincia stanno raggiungendo questo ambizioso obbiettivo: è fondamentale costruire un virtuoso dialogo tra enti che tenga conto delle esigenze di tutti e che comprenda l’importanza della salute dei cittadini. Vedremo però se e come i Comuni contermini saranno disponibili ad affrontare un ragionamento comune, da parte nostra c’è la massima disponibilità a supportarli. Se quest’anno riusciremo in questo importante passo avanti l’anno prossimo, quando i blocchi si estenderanno ulteriormente, sarà più facile per tutti affrontarli».

Inquinamento

«L’inquinamento è una questione che prescinde dal colore politico - conclude Gallani - lo ha compreso anche la Regione che ora auspichiamo metta in campo tutto ciò che è in suo potere per tutelare la salute di tutti, dal supporto economico a quello sulla comunicazione. Il resto spetta alle singole amministrazioni. Tutti i Comuni capoluogo sono disponibili a dare appoggio e supporto alle province e a tutte le amministrazioni per ottenere questo importante risultato».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Pullman per la gita scolastica non a norma: sequestrati dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento