San Biagio di Callalta: piante gratis ai cittadini da Comune e Regione

Per aderire all’iniziativa è sufficiente registrarsi su www.ridiamoilsorrisoallapianurapadana.eu

Il logo dell'iniziativa

Querce, frassini, aceri campestri, carpini bianchi. O più semplicemente biancospino e sanguinella. Sono queste alcune delle piante che, grazie al progetto della Regione con Veneto Agricoltura “Ridiamo il sorriso alla pianura padana”, il Comune di San Biagio di Callalta mette a disposizione dei propri cittadini che intendono abbellire il proprio parco o giardino di casa. Per aderire all’iniziativa è sufficiente registrarsi sul portale https://www.ridiamoilsorrisoallapianurapadana.eu/ e scegliere il tipo di piante autoctone che più si prestano allo spazio a disposizione fino ad un massimo di 10 piantine per ciascun cittadino. C’è tempo fino al 15 ottobre prossimo.

«I cittadini – spiega l’assessore all’Ambiente Pino Favaro – verranno contatti dal personale del nostro Comune per concordare il ritiro delle piante che si svolgerà in un’unica giornata. Si tratta di una bella iniziativa che mira a migliorare le caratteristiche ambientali del territorio ripopolandolo con giovani alberelli ed arbusti di specie locali. Confidiamo siano numerosi i sanbiagiesi ad usufruire di questa opportunità: l’importante è che ciascuno scelga delle piante avendo ben presente l’ingombro che esse avranno una volta cresciute».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio per tale motivo Veneto Agricoltura ha scelto tre tipologie di piante, dagli alberi che possono arrivare a 20/30 metri come il frassino o il tiglio per chi ha parchi a disposizione, agli alberi più piccoli, destinati a non superare i 15/20 metri come l’acero campestre o il melo selvatico e infine, per chi ha meno spazio a disposizione, dei semplici arbusti, alti al massimo 6/7 metri, come il biancospino, la sanguinella, la lantana…

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento