rotate-mobile
Green

Tutela dell'ape, torna il concorso di Savno: premiate le scuole vincitrici

Le scuole partecipanti al contest, quest’anno, sono state 53 (24 dell’infanzia, 20 primarie e 9 secondarie di primo grado). Le classi sono state chiamate ad allestire aiuole a misura d'ape all'interno dei giardini del proprio istituto, coniugando funzionalità e bellezza estetica del progetto

Si è chiusa con le premiazioni di questa mattina, lunedì 20 maggio, Giornata mondiale dell’ape, la seconda edizione di “Un giardino per gli insetti impollinatori”, il concorso di Savno e Consiglio di Bacino Sinistra Piave per sensibilizzare le nuove generazioni e la cittadinanza sulla salvaguardia dell’ape, insetto fondamentale per la tutela della biodiversità del territorio.

Le scuole partecipanti al contest, quest’anno, sono state 53 (24 dell’infanzia, 20 primarie e 9 secondarie di primo grado). Tra queste, anche la scuola secondaria di primo grado Giovanni XXIII di Ormelle, vincitrice di categoria, che in quanto tale come da tradizione è stata scelta per aprire le proprie porte e mostrare il risultato del lavoro e dell’ingegno dei propri studenti e insegnanti.

Grazie al kit fornito da Savno (una miscela di semi di piante, due sacchi di terriccio e tre piantine aromatiche), tutte le scuole partecipanti al concorso di ogni ordine e grado della Sinistra Piave sono state chiamate ad allestire aiuole a misura d'ape all'interno dei propri giardini, coniugando funzionalità e bellezza estetica del progetto.

A valutare i lavori è stata una commissione composta da collaboratori di Savno e apicoltori di APAT, negli scorsi giorni in visita negli istituti per stilare la classifica finale secondo i seguenti criteri: originalità, progettualità degli spazi, cura delle piante (stato di salute), estensione dell’aiuola, decorazioni, uso di materiali di recupero, messa a dimora di nuove essenze, estetica del progetto e naturalmente attrattività per gli insetti. Anche quest’anno le “opere” realizzate dagli studenti si sono rivelate dei veri e propri capolavori di creatività, diventando al tempo stesso il punto di partenza per approfondimenti in classe, dedicati al mondo delle api e più in generale a piante e sostenibilità.

Ricco il montepremi messo in palio da Savno (3.500 euro da usufruire in materiale didattico), che da anni è impegnata nel promuovere maggiore consapevolezza riguardo il ruolo strategico dell’ape nello sviluppo sostenibile della Sinistra Piave. “Quello che cerchiamo di insegnare ai ragazzi con le nostre iniziative di educazione ambientale è che non esistono pianeti di scorta: la Terra è soltanto e dobbiamo impararla a preservare fin da bambini – commentano il presidente di Savno, Stefano Faè; il direttore generale di Savno, Gianpaolo Vallardi; e il presidente del Consiglio di Bacino Sinistra Piave, Roberto Campagna – Senza dimenticare che grazie a queste attività i ragazzi possono imparare lezioni importanti, in primis che il segreto è la collaborazione, l’aiutarsi a vicenda in virtù di un obiettivo comune: alcune classi hanno trasformato questo concorso nel proprio progetto dell’anno, realizzando addirittura alberi di Natale a tema e riprogettando spazi che altrimenti sarebbero rimasti inutilizzati. Le classi partecipanti al concorso avrebbero potuto essere di più, ma le piogge delle ultime settimane non hanno aiutato, costringendo alcune scuole a ritirarsi a causa della mancata fioritura delle piante”.

“Il coinvolgimento dei bambini fin dall’infanzia è importante: i giovani assorbono facilmente con l’esperienza, memorizzano; lavorando la terra e sporcandosi le mani possono ricordare di più e meglio. Quello che ci interessa, infatti, è quello che questi ragazzi si portano a casa una volta tornati in famiglia, per essere da esempio anche per i genitori e i nonni: l’attenzione verso l’ape, naturalmente, ma soprattutto verso l’ambiente in generale – fa sapere il presidente Apat Apicoltori in Veneto, Stefano Dal Colle – La nostra associazione è molto impegnata in queste attività, nell’ultimo anno i nostri interventi in favore delle scuole della provincia sono stati oltre un centinaio”.

Presenti, alla cerimonia di questa mattina, anche la dirigente scolastica, Paola Gardenal, le insegnanti che hanno seguito il progetto con gli studenti, e il sindaco di Ormelle.

Rimane da stabilire chi sarà la scuola vincitrice del premio del pubblico. Chiunque desiderasse votare la propria aiuola amica delle api preferita potrà farlo entro venerdì 31 maggio recandosi nell’apposita sezione del sito di Savno (www.savnoservizi.it/it/scuola/concorso-ape). Al momento, i voti pervenuti sfiorano già quota 8 mila.

Il percorso sensoriale alla scuola di Ormelle

PREMIO GIURIA TECNICA

Scuole dell’Infanzia

1° CLASSIFICATO

Scuola dell'Infanzia Sacro Cuore di Valdobbiadene (premio: 500 euro)

Motivazione: “La giuria ha ammirato la rigogliosità delle piante e la ricca varietà delle essenze mellifere dell’aiuola realizzata modificando e ingrandendo l’area utilizzata per la scorsa edizione del concorso. Un plauso particolare da parte dell’apicoltore che ha visitato la scuola alla sapiente scelta della posizione dell’area che ha consentito la buona salute delle piante e la presenza di molti insetti nonostante il tempo piovoso. La giuria ha inoltre apprezzato la messa a dimora di piante ricercate particolari come il meliloto officinale, il fiordaliso e la borragine, e altre piante fiorite acquistate dai bambini e dalle insegnanti durante una gita al vivaio. Degne di plauso anche le variopinte decorazioni a forma di api, lo spaventapasseri e il volumetto che documenta tutte le fasi di realizzazione del progetto”.

2° CLASSIFICATO EX AEQUO

Scuola dell'Infanzia Savassa Forcal di Vittorio Veneto (premio: 300 euro)

Scuola dell'Infanzia Sinite Parvulos di Colle Umberto (premio: 300 euro)

3° CLASSIFICATO

Scuola dell’Infanzia di Albina di Gaiarine (premio: 200 euro)

Scuole primarie

1° CLASSIFICATO

Scuola primaria di Sarmede (premio: 500 euro)

Motivazione: “La giuria ha particolarmente apprezzato la semplicità dell’aiuola che, pur non essendo molto estesa, risulta esteticamente pregevole per la sua forma a fiore, per la salute, la varietà e l’accurata disposizione delle piante.  Le decorazioni realizzate dai bambini risultano adatte alla permanenza all’esterno, semplici, gradevoli e non eccessive. L’aiuola è stata progettata per diventare il fulcro di un’area di osservazione e relax all’aperto”.

2 CLASSIFICATO

Scuola Primaria "Giovanni XXIII" di San Fior (premio: 300 euro)

3 CLASSIFICATO

Scuola primaria Oreste De Gasperi di Sernaglia della Battaglia (premio: 200 euro)

Scuole secondarie di 1° grado

1° CLASSIFICATO

Scuola Secondaria di 1° grado Giovanni XXII di Ormelle (premio: 500 euro)

Motivazione: “La giuria ha particolarmente apprezzato il lavoro di progettazione dell’area che ha portato alla realizzazione di un’aiuola a scacchiera. Il progetto comprende esperienze sensoriali, scientifiche e di socializzazione e si completa con una vera e propria aula all’aperto dove approfondire vita delle api e degli insetti impollinatori. I ragazzi hanno seminato e piantato numerose piante mellifere ciascuna delle quali riportava un cartellino con la nomenclatura. Molto originale il percorso sensoriale da sperimentare a piedi nudi con 8 tipologie di pavimentazione diversa. L’aiuola è stata pensata inoltre per essere condivisa con i bambini della scuola primaria adiacente che sono stati resi partecipi durante i lavori di realizzazione sperimentando il percorso sensoriale realizzato”.

2° CLASSIFICATO

Non assegnato

3° CLASSIFICATO

Scuola Secondaria di Tarzo (premio: 200 euro)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutela dell'ape, torna il concorso di Savno: premiate le scuole vincitrici

TrevisoToday è in caricamento