A Sernaglia una nuova stazione di ricarica per auto elettriche

E' stata posizionata in via Passo Barca a Falzè di Piave e va ad implementare la rete dei quasi 200 punti di ricarica distribuiti in tutto il Veneto

La colonnina di ricarica

L’"Aria Pulita” arriva anche a Sernaglia della Battaglia. È il comune del Quartier del Piave l’ultima tappa, in ordine di tempo, del progetto di Ascotrade che prevede lo sviluppo, su tutto il territorio regionale, della rete infrastrutturale per la mobilità elettrica con energia prodotta al 100% da fonti rinnovabili. Una nuova stazione di ricarica per auto elettriche, installata con la collaborazione di Be Charge partner tecnico dell’iniziativa, è stata inaugurata questa mattina, alla presenza del Sindaco Mirco Villanova e del Presidente Ascotrade Stefano Busolin. La postazione di Sernaglia, posizionata in via Passo Barca a Falzè di Piave va così a implementare la rete dei quasi 200 punti di ricarica previsti dal progetto e distribuiti in tutto il Veneto. Un patto per la tutela ambientale che vede stringersi la mano aziende del territorio e Pubbliche Amministrazioni che stanno dimostrando di saper raccogliere le future sfide del settore energetico.

«Per capire l'importanza di questa nuova colonnina elettrica per favorire la mobilità sostenibile -ha spiegato Mirco Villanova, Sindaco di Sernaglia della Battaglia- è sufficiente guardarci intorno: siamo immersi in un territorio con pochi eguali, ricco di verde e a pochi passi dal fiume Piave. Un territorio che tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute negli anni hanno voluto mantenere il più possibile incontaminato e curato, in modo da renderlo un polmone verde a due passi dal centro del paese e attuando iniziative per una circolazione veicolare ordinata e rispettosa dell'ambiente, come testimonia anche il parcheggio pubblico che abbiamo inaugurato a pochi passi da qui la scorsa estate. La colonnina per la ricarica delle auto elettriche, si inserisce nella giusta direzione nella strada che abbiamo intrapreso da tempo: una mobilità della vita quotidiana e dei flussi turistici sostenibile e rispettosa del meraviglioso ambiente che ci circonda.»

«È stata davvero una piacevole sorpresa -ha proseguito Stefano Busolin, presidente Ascotrade- l’accoglienza che le amministrazioni comunali, come quella di Sernaglia della Battaglia che oggi ci ospita, hanno riservato al progetto “Aria Pulita”. Ed è ancor più significativo che molti di questi comuni siano parte del territorio dichiarato pochi mesi fa Patrimonio Unesco. Questa risposta indica che l’ambiente e la sua tutela sono oramai dei valori che fanno parte della nostra cultura e lo sottolineo con grande orgoglio. Ascotrade, azienda che opera proprio in queste zone, si è prefissa di prendere per mano il territorio per portarlo nel futuro e lo stiamo facendo a passi sempre più veloci, proprio grazie alle Pubbliche Amministrazioni che dimostrano di aver colto l’opportunità di essere protagoniste del cambiamento in atto nel settore energetico. Una lungimiranza che fa onore a tutti i cittadini.»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dotare il territorio di infrastrutture dedicate alla mobilità green significa, infatti, agevolare chi ha già fatto questa scelta di vita, contribuendo nel contempo allo sviluppo della tutela ambientale e del turismo sostenibile, mercato in costante crescita. Un’opportunità che, a quanto pare, il Veneto non intende lasciarsi sfuggire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento