menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Veduta di Revine Lago dall'alto (Foto d'archivio)

Veduta di Revine Lago dall'alto (Foto d'archivio)

«Pesticidi nei laghi della vallata di Revine: ora basta»

Le deputate Silvia Benedetti e Sara Cunial tornano ad accendere i riflettori sulla relazione dell'Arpav che aveva portato alla luce alti livelli di inquinamento nei laghi di Revine

Le rappresentanti del Gruppo Misto alla Camera dei Deputati, Silvia Benedetti e Sara Cunial, sono scese in campo in queste ore a sostegno dell'associazione Mamme di Revine e del gruppo Stop pesticidi di Tarzo che stanno raccogliendo firme per una petizione a favore dei laghi della vallata.

Secondo le analisi condotte dal dottor Dal Vecchio in un rapporto Arpav sullo stato delle acque superficiali del Veneto, datato 2017, nei due laghi di Revine erano state trovate tracce di arsenico, DDT ed altre sostanze la cui fonte è facilmente riconducibile all'utilizzo di pesticidi. Tutti questi composti per le loro proprietà intrinseche possono risultare nocivi per la salute umana ed animale, quindi l’esposizione va controllata al fine di limitare il rischio. «La richiesta dei comitati - spiegano Benedetti e Cunial - di bloccare ogni emissione ulteriore di sostanze contaminanti e di procedere alla bonifica dei laghi non può che trovarci pienamente d’accordo, quindi sottoscriviamo la loro petizione. Apprendiamo inoltre con soddisfazione che il sindaco di Tarzo si sia reso disponibile ad occuparsi del problema non appena superata l’emergenza Coronavirus, perché permettere alle persone di vivere in un ambiente salubre è il primo passo per garantire una qualità della vita degna di un paese civile quale è l’Italia e la tutela ambientale non può essere sacrificata sull'altare dell’interesse economico.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento