Auto elettriche, a Vidor tre nuove stazioni di ricarica

Bel gesto di responsabilità verso l'ambiente da parte del Comune trevigiano che ha implementato la rete di colonnine già presenti nella Marca per ricaricare le auto elettriche

In foto il sindaco Albino Cordiali e il presidente Ascotrade, Stefano Busolin

Anche il Comune di Vidor promuove la mobilità green. Da lunedì 25 novembre, infatti, tre nuove colonnine di ricarica vanno a implementare la rete di stazioni per auto elettriche già presenti nella provincia di Treviso.

Inaugurati alla presenza del sindaco Albino Cordiali e del presidente Ascotrade, Stefano Busolin, questi nuovi punti di ricarica (due posizionati in Piazzale Capitello, uno in Piazzale Petritoli) rappresentano un altro fondamentale tassello del progetto di sviluppo della mobilità sostenibile “Aria pulita”, ideato da Ascotrade, realizzato in collaborazione con Be Charge e dedicato alle amministrazioni comunali, alle utilities pubbliche e anche ai privati. L'obiettivo è quello di implementare la rete infrastrutturale con nuove stazioni di ricarica che utilizzano energia prodotta al 100% da fonti rinnovabili. Un'iniziativa resa possibile dalla fattiva collaborazione tra pubblica amministrazione e aziende private che permette alla provincia trevigiana di essere al passo con le città più evolute in tema di mobilità sostenibile.

«L’amministrazione comunale di Vidor è sempre stata sensibile alle problematiche ambientali – ha commentato Albino Cordiali, sindaco di Vidor - Già da qualche anno abbiamo installato dei pannelli fotovoltaici su alcuni edifici pubblici e tutto il territorio è servito da energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. Questa di oggi è un'altra tappa del nostro cammino verso le fonti di energia “pulita”, e non sarà certamente l'ultima. Siamo orgogliosi di dare ancora il nostro contributo per un nuovo servizio innovativo a favore di tutti i cittadini sensibili, non solo di Vidor, ed è quindi che con orgoglio, ma anche, permettetemi di dire, con responsabilità verso l'ambiente, inauguriamo oggi queste colonnine di ricarica volute fortemente dall'amministrazione comunale». «Vidor rappresenta un'altra tappa di accompagnamento del nostro territorio verso il futuro – ha proseguito Stefano Busolin, presidente Ascotrade –grazie alla sensibilità dell'amministrazione comunale e alla collaborazione con Be Charge, oggi inauguriamo queste nuove colonnine di ricarica che vanno ad aggiungersi alle quasi 200 previste da Ascotrade in Veneto. Un progetto che colma, in parte, quel gap infrastrutturale che limita l'acquisto di veicoli elettrici. Secondo il rapporto “Le città elettriche” redatto da Legambiente in collaborazione con MotusE a gennaio 2019 risultavano attive in Veneto 528 prese disponibili omologate su un totale di 5.507 prese in tutto il territorio nazionale. Un futuro che dunque è già realtà e che noi vogliamo contribuire a sviluppare, rendendo la nostra provincia protagonista del cambiamento in atto». Dotare il territorio di infrastrutture dedicate alla mobilità green consente infatti di agevolare non solo i cittadini, ma anche l'arrivo di turisti stranieri che già hanno fatto questa scelta di vita. Un'opportunità che, a quanto pare, le Amministrazioni e le aziende venete non intendono lasciarsi sfuggire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento