COVID-19: come parlarne ai nostri figli

Scopri come intraprendere una conversazione, aiutando i tuoi figli a capire e a far fronte alle preoccupazioni, disagi e quesiti, sul nuovo Coronavirus

Paura e incertezza, sono le caratteristiche di un clima noto a tutti, indotto dall’epidemia di Coronavirus. Questa pesante e disagevole condizione, pesano fortemente anche sulle menti dei nostri bambini ed è importante che lo si consideri cosa prioritaria cui far fronte.

I bambini non sono immuni ai timori di infezione o malattia, in particolare in un mondo in cui i resoconti dei media e la presenza dei social media, sono ad immediata fruizione e a portata di click e quindi a raccogliere l'ansia pari e sommata a quella degli adulti, su cui fanno affidamento, nell’essere rassicurati e considerati.

Se tu sei giustamente preoccupato per COVID-19, è sicuro che anche i tuoi figli lo siano.  

I bambini, sono bombardati da così tante informazioni sul COVID-19 da così tante fonti, che i genitori dovrebbero sentirsi fortemente esortati ad avviare conversazioni appropriate all'età con i loro figli. Il compito non è semplice, anche solo tentando di rilassare la mente dei tuoi figli, perché in realtà non lo sei nemmeno tu, ed è difficile sapere cosa e quando dirlo, poiché esistono in effetti ancora molte incognite.

Avvio della conversazione
Quando parli ai bambini di COVID-19, prendi spunto da loro: lascia che i bambini guidino la discussione rivolgendosi a ciò che hanno sentito o visto, ai loro sentimenti e alle loro domande. Chiedere ai bambini cosa stanno sentendo riguardo alla malattia tratta da varie fonti, ti dà anche l'opportunità di sfatare qualsiasi mito che possa incitare a preoccupazioni o paure indebite.

Nel determinare quanti dettagli i bambini dovrebbero sapere della pandemia, prendi in considerazione la loro età. Ciò significa che una conversazione che hai con un adolescente, potrebbe essere molto diversa da quella che hai con un bambino più piccolo. Presentare informazioni che sono appropriate allo sviluppo in modo calmo, ad esempio: parla con i bambini più piccoli all'altezza degli occhi e con una voce gentile, usando parole semplici che possano capire. I bambini più grandi e gli adolescenti, d'altra parte, potrebbero aver bisogno di più fatti e rassicurazioni, per aiutarli a ritrovare un senso di controllo.

Aiutare i bambini a far fronte e sentirsi sicuri

I bambini reagiscono in modo diverso all'ansia e allo stress, rispetto agli adulti. In alcuni casi, i bambini possono nascondere i loro sentimenti o non rispondere immediatamente, rendendo più difficile sapere se sono preoccupati o turbati. Quando parli ai tuoi figli del nuovo coronavirus, le seguenti strategie possono aiutarti non solo a dissipare le loro preoccupazioni, ma anche a potenziarli per proteggere sé stessi e gli altri: il miglior antidoto per la paura dell'ignoto, è l'informazione. I fatti possono essere rassicuranti. Prima di poter essere aperto e onesto con i tuoi figli, devi informarti. 

Non respingere o scartare le loro preoccupazioni 

I sentimenti dei bambini riguardo il virus, dovrebbero essere validati e non spazzati via. Anche se le tue intenzioni sono buone, dire ai bambini ansiosi di non preoccuparsi non è un approccio efficace. Ascolta i tuoi figli. Chiedi loro se hanno domande e fai sapere loro che va bene essere tristi o preoccupati ed esprimere quei sentimenti. I bambini che sono restii a parlare di come si sentono, possono sentirsi più a loro agio nel disegnare o mettere i loro pensieri sulla carta.

Autorizzali a proteggersi 

Insegnare ai bambini come possono ridurre il rischio di infezione, darà loro un senso di controllo sulla situazione mentre si sviluppa. Supportarli e istruirli su come aiutare a prevenire un'ulteriore diffusione di questa malattia, promuovendo una buona igiene delle mani, starnutendo nel braccio e non condividendo cibo e bevande. Lavarsi bene le mani e spesso con acqua e sapone per almeno 20 secondi è uno dei modi più efficaci per proteggersi da COVID-19. I bambini devono essere istruiti ad evitare di toccare qualsiasi parte del loro viso, inclusi occhi, naso o bocca con le mani non lavate. Gli adulti, potrebbero avere problemi a non toccarsi il viso con mani potenzialmente contaminate. Quindi, ricordare ai bambini di fare lo stesso, probabilmente richiederà uno sforzo costante. 

Sposta l'attenzione sugli aspetti positivi

Tra il flusso costante di titoli inquietanti e resoconti dei media, è anche importante sottolineare che medici e scienziati in tutto il mondo, stanno lavorando duramente per proteggere tutti. Se tuo figlio sembra essere eccessivamente ansioso di COVID-19, parla con il tuo pediatra di altri passi che puoi intraprendere per alleviare questo stress. 

Limitare l'esposizione mediatica

Essere informati sul nuovo coronavirus e su come aiutare a frenarne la diffusione è importante, ma un consumo eccessivo di informazioni su COVID-19, può sovraccaricare o sopraffare i bambini. I bambini hanno bisogno di un po' di tempo lontano dal bombardamento mediatico. L'esposizione ripetuta a informazioni e immagini angoscianti nelle notizie, può aggravare l'ansia. Per i bambini e gli adolescenti con accesso ai social media, discuti con loro su come limitare l'esposizione ai social media, alle informazioni sul coronavirus e perché è importante farlo.

Dai il buon esempio

Per aiutare i bambini a comprendere e gestire le loro preoccupazioni sul COVID-19, è essenziale adottare misure per gestire la propria ansia (e non solo fingere che tutto sia a posto). I bambini prendono spunto dai genitori e dalle azioni ripetute. Quindi, assicurati di modellare una routine sana, mangiare pasti sani, dormire a sufficienza ed esercitati regolarmente. Ciò non solo aiuterà ad alleviare lo stress, ma aiuterà anche a sostenere il sistema immunitario.

Ricorda, quando si parla ai bambini del COVID-19, le informazioni dovrebbero essere trasmesse in dosi gestibili, per evitare che i bambini siano schiaccianti con troppe informazioni contemporaneamente.

Mantieni sempre aperte le linee di comunicazione con i tuoi figli, in linea con gli sviluppi della situazione in atto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento