COVID E LAVORO: quando la convivenza diventa difficile

Se entrambi i coniugi praticano lo smart working durante il nuovo focolaio di coronavirus, contribuisci al sicuramente al distanziamento sociale, ma come gestire tutto questo? Come organizzare il lavoro da casa, quando siete entrambi nella coppia a praticarlo, senza prevaricazioni e tensioni?

L’ordinanza ci ha imposto per il bene privato e della comunità di stare a casa, causa Coronavirus. Quindi stai praticando lo smart working. E adesso? Dopo alcuni giorni rinchiusi in casa, le cose potrebbero iniziare a diventare tese, specialmente se tu e il tuo compagno, siete entrambi a svolgere il lavoro da remoto. Non siete abituati a farlo e tantomeno inclini a trascorre 24 ore al giorno, gomito a gomito.

Se sei preoccupato che lo stress di lavorare a casa con il tuo partner possa portare al divorzio, allora è importante agire per salvaguardare sia la tua salute mentale e quella del tuo partner, in questo momento contingente.

Imposta aree di lavoro separate

Cerca di mantenere le aree di lavoro separate il più possibile. Questo potrebbe non essere così semplice, in particolar modo se vivi in ​​un piccolo appartamento. Si consiglia di mantenere il proprio spazio di lavoro, il più privato possibile, anche se potresti non avere altra scelta che lavorare in stretta vicinanza con l'altro, puoi comunque stabilire dei limiti, per ridurre le distrazioni. Sia tu che il tuo partner, dovreste creare orari di ufficio al fine di ridurre al minimo le distrazioni. Ciò non significa, tuttavia, che devi lavorare in completo isolamento! Puoi ancora incontrarti per le pause caffè e il pranzo. Unica regola, ricorda di rimanere concentrato.

Pianifica la tua giornata

La pianificazione è la chiave, soprattutto se tu e il tuo compagno, siete in lotta per potervi destreggiare nell’organizzazione casalinga del lavoro. Pianificare il tuo programma in blocchi di 24 ore, è brutto non avere struttura e confini, l’importante sedersi, consultarsi tutte le sere e pianificare il giorno successivo, in tandem e con comprensione. Se si hanno figli, si consiglia di lavorare a turni. Alternarsi e sapere di avere un determinato periodo per lavorare, in genere la produttività aumenta. A fine giornata, potrete compiacervi ed essere soddisfatti di aver lavorato, in ottica generale, come una vera squadra.

Sii positivo

Essere bloccati a casa può essere stressante, ma bisogna essere ottimisti, potresti scoprire e rivalutare anche l’aspetto lavorativo del tuo partner, questo avvalorerà anche il senso e il valore di coppia. C'è un virus molto spaventoso che incombe su tutto questo, ma la tua casa è il tuo spazio sicuro e la tua famiglia, è il tuo bene più prezioso. Provare a strutturare in modo positivo, lavorando insieme come una squadra, pianificando e collaborando, può rafforzare il legame familiare, fondamentale in questo clima di incertezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Sequestrata dai Nas la casa di riposo “Home Claudia Augusta”

Torna su
TrevisoToday è in caricamento