Giovedì, 16 Settembre 2021
TrevisoToday

Marco Bussolotti, Axon seven team: «Scendo in pista per vincere!»

I piloti di Axon Seven Team a Imola per il Campionato Italiano Velocità

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Appuntamento da non perdere all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari per il Campionato Italiano Velocità dal 2 al 4 luglio ad Imola, in occasione del terzo round della stagione. In griglia quattro piloti di Axon Seven Team: Jan Waser in categoria National Trophy 1000 e gli altri tre, Nicholas Luzzi, Marco Bussolotti e Roberto Farinelli, pronti a darsi battaglia in sella alla Yamaha R6 in SSP600, una delle categorie più combattute dell’ELF CIV e in uno dei circuiti più difficili da interpretare che ha visto l’esordio di tanti campioni. E campione è anche lui, Marco Bussolotti, reduce da un secondo podio nella gara disputata al Misano World Circuit, nella quale l’avvincente pilota di Ancona si è conteso la vittoria sino all’ultimo centimetro di pista. Agguerrito e pronto a regalare emozioni, Bussolotti, secondo con 59 punti nella classifica generale, ha l’unica ambizione di vincere il titolo, grazie anche al supporto di Axon Seven Team e del manager, Paolo Cannizzaro, che accompagna e guida i propri piloti nella loro crescita professionale. «Io devo vincere, sono lì per quello – commenta Bussolotti –; finché riesco ad essere competitivo e la velocità non mi manca, non smetterò mai di correre. Nonostante i miei 31 anni vado ancora forte e non mollo. Nell’ultima gara ci ho provato sino alla fine. Purtroppo, manca una spinta in più al motore e soffro parecchio nel rettilineo, una delle motivazioni per cui non sono riuscito a vincere. Ma quando ti giochi le prime tre posizioni significa che puoi fare la differenza in pista! Gareggiare con i miei compagni di squadra, poi, è uno stimolo a far sempre meglio, Farinelli e Luzzi sono un punto di riferimento in gara e ho un ottimo rapporto con entrambi. Il livello è molto diverso tra un trofeo, una Coppa Italia e un CIV e ogni anno aumenta. Io ci metto il mio bagaglio di esperienze e tantissima passione. La mia squadra sta crescendo e si iniziano a vedere i risultati, Paolo si è messo a disposizione per darci il massimo insieme ai tecnici e ci permette di essere competitivi, ringrazio gli sponsor e il nostro partner principale, Axon Micrelec». Innamorato delle moto sin da piccolissimo, il pilota di Axon Seven Team ha le idee chiare e non lascia dubbi sul suo talento: dalle minimoto all’età di sei anni alle moto alte, ha vinto vari Campionati nazionali europei; quattro stagioni in STK 1000 alla Coppa del Mondo, dal 2014 sempre nel circus del mondiale SBK sino ad oggi, presenza fissa al CIV al vertice di categoria. Tra una gara e l’altra, lavora nella Busso Garage della sua Ancona, il centro revisioni per auto e moto di famiglia, dove trovare il tempo per una preparazione atletica adeguata è sempre più difficile ma dove trae tutta l’ispirazione e vibrazione per questo sport. «Avere il vantaggio di conoscere a fondo una moto significa percepire prima i problemi e, viceversa, avere una sensibilità più profonda rispetto al meccanico normale – spiega Bussolotti –; sono un pilota atipico, vivo dentro la mia officina e non trovo mai il tempo per dedicarmi al mio allenamento. Ecco perché quando arriva la vittoria è una soddisfazione straordinaria, significa che hai una marcia in più degli altri: vado a fare i test di prova, poi salgo sulla moto e do gas!».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marco Bussolotti, Axon seven team: «Scendo in pista per vincere!»

TrevisoToday è in caricamento