Maltempo fino a mercoledì: Veneto dichiara lo stato di emergenza

La decisione è stata annunciata lunedì 8 giugno dal Governatore Zaia. Solo domenica 157 interventi nella Marca e le previsioni per la settimana non promettono nulla di buono

Maltempo nella Marca (Foto tratte da Facebook)

Nel fine settimana appena trascorso il Veneto e la provincia di Treviso sono state interessate da condizioni meteo caratterizzate da una spiccata instabilità atmosferica a causa di una profonda saccatura sull’Europa occidentale con aria fredda in quota di origine polare-artica che ha richiamato sull’Italia correnti umide e instabili sud-occidentali.

maltempo-2020-2-2-2

Anche oggi, lunedì 8 giugno e nei prossimi giorni, almeno fino a mercoledì 10, sulla regione sono previste condizioni di tempo instabile, con frequenti precipitazioni anche consistenti e a carattere di rovescio o temporale che localmente potranno risultare di forte intensità. Nella sola giornata di ieri, domenica 7 giugno, sono stati 157 gli interventi in provincia di Treviso legati al maltempo. Grandine, smottamenti e allagamenti su strade, vigneti e abitazioni sono solo alcuni dei problemi che hanno messo in ginocchio la Marca nelle scorse ore. «Insieme all'assessore Bottacin - ha commentato Zaia nel punto stampa dalla sede della Protezione civile di Marghera - abbiamo deciso di istituire lo stato di emergenza per tutta la regione fino a quando non sarà dichiarata la fine dell'emergenza maltempo. Se ce ne sarà bisogno aggiungeremo, di giorno in giorno, i comuni più colpiti perché possano fare richiesta d'aiuto alla Regione. Stiamo vivendo una situazione di assoluta emergenza».

Il maltempo ha fatto danni importanti anche nel Comune di Motta di Livenza dove lunedì, poco dopo l'ora di pranzo, un albero si è caduto sulla strada provinciale di Via Gini che è stata chiusa al traffico per permettere ai vigili del fuoco le operazioni di messa in sicurezza dell'area. I pompieri di Motta e l’ufficio tecnico sono già sul posto e stanno provvedendo a liberare la strada. Ufficio tecnico e Consorzio di Bonifica stanno monitorando la situazione dei livelli idraulici. Al momento non ci sono particolari criticità, stando agli ultimi aggiornamenti forniti, via social, dal sindaco Alessandro Righi.
albero-caduto-2

Crolla il ponte sul Muson

Il maltempo si è intensificato nel pomeriggio di lunedì 8 giugno. Verso sera il ponte del cantiere per il nuovo bacino di laminazione sul torrente Muson è crollato. Il ponte ha bloccato il corso del Muson pochi minuti prima della piena. I comuni interessati dal crollo sono quelli di Fonte e Riese Pio X ma forti nubifragi sono stati registrati in tutta la zona della Pedemontana e in alta pianura nelle ultime ore. Massima attenzione al corso d'acqua Mussolente, già a rischio esondazione. Monitoraggio continuo anche in tutta la zona dell'asolano, canali già in esondazione. In questo scenario la piena del Muson dovuta al crollo del ponte potrebbe peggiorare una situazione già molto grave. L'invito degli esperto è quello di evitare interrati e seminterrati.

(Immagine tratta dalla pagina Facebook: "Meteo Bassano e Pedemontana del Grappa")
ponte-muson-crollo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento