menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In arrivo sulla Marca il grande freddo: rischio neve in pianura

In Veneto l’arrivo della massa d’aria artico-siberana si farà sentire da domenica, con un apice del freddo tra lunedì 26 e mercoledì 28 febbraio. Temperature in picchiata anche di 10-15°

TREVISO Per la meteorologia il primo marzo inizia la primavera ma quest’anno l’inverno sembra non volerle cedere il passo. I modelli previsionali infatti confermano l’arrivo, dal fine settimana, del grande freddo siberiano su gran parte dell’Europa centro-settentrionale. Anche l’Italia settentrionale, e quindi il Veneto, saranno interessati dal margine meridionale dell’intenso ed esteso nucleo di aria gelida di origine artica che irromperà da est a partire dalle regioni più orientali del continente nel corso del week-end.

In Veneto l’arrivo della massa d’aria artico-siberana si farà sentire da domenica, con un apice del freddo tra lunedì 26 e mercoledì 28 febbraio, quando le temperature potranno scendere anche di 10-15°C rispetto alla media del periodo. A 1500 metri di quota sono infatti attese temperature mediamente intorno ai -12/-15°C, che in diverse località montane potranno far scendere i valori minimi anche sotto i -20°C; in pianura le temperature saranno su valori minimi diffusamente inferiori allo zero già da domenica 25 e raggiungeranno i valori più bassi tra lunedì e mercoledì, fino a toccare punte intorno ai -7 / -9°C. Da sottolineare che anche le massime giornaliere saranno molto basse e in pianura resteranno intorno a 0°C . Domenica e lunedì inoltre la sensazione di freddo sarà acuita dai venti nord orientali, che successivamente tenderanno ad attenuarsi.

Ci sarà dunque un’ondata abbastanza tardiva di freddo, che risulterà la più intensa del trimestre invernale 2017/18 e probabilmente tra le più significative degli ultimi 25 anni. Considerando il mese di febbraio, negli ultimi anni le ondate di freddo più intense, con valori minimi intorno ai -15°C a 1500 metri di quota e inferiori ai -7°C in pianura, si registrarono nelle prime due decadi del febbraio 2012 e tra la fine di febbraio e primi giorni di marzo del 2005, in quest’ultimo caso accompagnate da una diffusa nevicata fuori stagione in pianura il 3-4 marzo. Altre fasi altrettanto fredde nello stesso mese si registrarono nella seconda decade del febbraio 1994 e nella terza decade del febbraio 1993. L’aria fredda di origine artico siberiana sarà piuttosto secca e quindi molto probabilmente non sarà accompagnata da precipitazioni, a parte nella fase iniziale di domenica quando sarà possibile qualche fiocco di neve sulle zone montane e sulla pianura meridionale. Tale condizione di assenza o scarsità di precipitazioni è tipica in Veneto in connessione a ondate di freddo di origine siberiana e non nord atlantica. La situazione che si presenta è radicalmente diversa da quella che si verifica invece su altre aree del Nord Italia – Appennino tosco emiliano e basso Piemonte in cui le correnti nord orientali interagiscono con i rilievi determinando precipitazioni nevose localmente anche consistenti.

Visti le gravi condizioni meteo, sono in corso le attività di Anas volte a garantire, con uomini e mezzi spargisale e sgombraneve, la transitabilità sulla rete stradale di competenza. A tal proposito, si evidenzia l’obbligo di catene a bordo, o montate, dove previsto, o di pneumatici invernali sulle strade statali maggiormente esposte al rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio. Sul sito www.stradeanas.it alla pagina “Piani e interventi” è possibile conoscere tutti i tratti lungo i quali è in vigore l'obbligo di dotazioni invernali e le principali aree di sosta in caso blocco della circolazione per i mezzi pesanti. Il traffico già a partire da domani, potrebbe essere più intenso in corrispondenza delle principali direttrici stradali e autostradali. Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800.841.148.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Raid nella notte, negozio islamico dato alla fiamme

  • Cronaca

    Accesso abusivo alle banche dati, finanziere arrestato

  • Attualità

    Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento