VW: sarà un anno molto difficile

Mentre la pandemia mette il lucchetto alle fabbriche, la Volkswagen, chiude la maggior parte dei suoi stabilimenti europei

Il Gruppo Volkswagen, sta chiudendo tutti o quasi, gli stabilimenti disseminati in Europa a causa della pandemia da COVID-19 e si appresta ad affrontare sfide economico-finanziarie ancora sconosciute. Impossibile fare previsioni per il 2020, soprattutto se la pandemia, continuerà ad aleggiare e ad imporre dettami.

Herbert Diess, CEO del Grupp VW, ha palesato che la scelta di chiudere gradualmente, è stata guidata dalla cura per la salute e la sicurezza dei dipendenti e delle loro famiglie. Una priorità, la più importante e con l’obiettivo di contribuire al rallentamento della diffusione del coronavirus.

Le misure attuate hanno incluso l'interruzione della produzione negli stabilimenti del Gruppo VW in Spagna, Portogallo, Slovacchia e Italia. La maggior parte degli altri impianti tedeschi ed europei chiuderà nelle prossime settimane. Insieme ai timori per la diffusione di virus, il Gruppo palesa anche un significativo deterioramento delle vendite e incertezza sull'approvvigionamento delle componenti, come ragioni centrali della chiusura della catena produttiva.

Tuttavia, la produzione è stata ripresa in diverse fabbriche cinesi, poiché il virus sembra essersi placato e emesso sotto controllo. Essendo la più grande casa automobilistica straniera della Cina, l'esposizione finanziaria della Volkswagen durante la crisi è stata acuta, con il probabile crollo delle vendite che avrebbe avuto un effetto significativo sulle sue prestazioni per il 2020.

La pandemia, presenta al gruppo VW sfide operative e finanziarie ancora ignote, tuttavia l’approccio si è dimostrato ottimista che vede una possibile ripresa, costruita su punti di forza dell’azienda e attraverso una stretta, il tutto unito all’atteggiamento positivo.

L'incertezza sul 2020, è in netto contrasto con il messaggio di positività, memore anche del successo dell’anno precedente, in cui l’utile operativo complessivo ha visto un incremento del 22% e di circa 6,9 miliardi di euro.

La divisione autovetture VW, ha registrato ricavi per 88,4 miliardi di euro - 4,5% in più rispetto al 2018 - e un utile operativo prima che gli articoli speciali aumentassero da 3,2 a 3,8 miliardi di euro. Skoda, Seat e Porsche hanno registrato un aumento delle vendite tra il 10 e il 15%, con Bentley che ha ripreso a guadagnare con un sostanziale aumento del 35,1% dei ricavi e un ritorno delle vendite del 3,1% (dal -18,6% dell'anno precedente).

Con l'economia globale sempre più influenzata dalla pandemia, la maggior parte dei grandi gruppi automobilistici ha subito enormi perdite nel mercato azionario. La VW non è sola, con il suo prezzo delle azioni in calo del 38% da gennaio. Tuttavia, Diess ha sostenuto che il significativo investimento del Gruppo nell'elettrificazione, non verrebbe "ridistribuito" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento