Frazione di Nervesa sott’acqua: residenti esasperati per i continui allagamenti

Sono le richieste di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, che ha depositato un’interrogazione a risposta scritta indirizzata direttamente a Luca Zaia

I binari invasi dall'acqua a Cornuda in una recente alluvione

«Ogni volta che si verifica un’ondata di maltempo particolarmente consistente, la frazione di Bavaria rischia di finire sott’acqua. I residenti, soprattutto chi ha in casa anziani o bambini, sono esasperati e vivono nel terrore temendo nuovi allagamenti dovuti allo straripamento dei canali. Quali lavori ha già effettuato o ha in cantiere il Consorzio di bonifica Piave e quali fondi stanzierà la Regione?». Sono le richieste di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, che ha depositato un’interrogazione a risposta scritta indirizzata direttamente a Zaia per chiedere conto della costante emergenza con cui sono costretti a convivere gli abitanti della frazione di Nervesa della Battaglia, alcuni dei quali hanno anche presentato una denuncia alle forze dell’ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le bombe d’acqua improvvise sono purtroppo sempre più frequenti, ‘effetto collaterale’ dei cambiamenti climatici ancora sottovalutati dalla Giunta regionale. Le esondazioni dei canali di scolo in questa frazione sono numerose, dal 2009 in poi. Luglio e settembre 2014 e a seguire nel 2016, 2017 e a maggio 2018 con danni alle abitazioni e non solo, mentre lo scorso maggio si è sfiorato l’ennesimo episodio, con i timori dei residenti rafforzati dalla chiusura dei fossi per far posto alle vigne, impedendo così all’acqua di defluire correttamente. Le conseguenze potrebbero essere evitate con una corretta e tempestiva manutenzione di fossi e canali, che finora non si è vista. Nel frattempo gli abitanti continuano a battersi per arrivare a una soluzione: il legale di una delle famiglie vittime degli allagamenti ha presentato una diffida a Comune, Regione e Consorzio di bonifica Piave, i cittadini hanno raccolto firme per una petizione chiedendo all’amministrazione di costituire un Fondo per il risarcimento delle persone danneggiate e interventi mirati per risolvere il problema, mentre il gruppo consiliare comunale ‘Aria Nuova’ ha depositato un’interpellanza per sollecitare un tavolo tecnico tra Comune di Nervesa e Consorzio, in modo da individuare soluzioni adeguate e durature». Soluzioni di cui chiede conto lo stesso Zanoni: «I lavori fatti fin qui non sono serviti a granché. Visto il ripetersi di questi episodi è urgente intervenire in modo adeguato per prevenire situazioni di pericolo e anche la Regione deve fare la propria parte, stanziando risorse adeguate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento