Sindaco di Asolo nel mirino: «E' un hater social, attacco vergognoso a Zaia»

Attacco del capogruppo di Zaia Presidente in Regione, Silvia Rizzotto, nel commentare la polemica inscenata dal primo cittadino Mauro Migliorini

Mauro Migliorini

«Essere primi cittadini, significa esserlo anzitutto nello stile. Accusare sui social il Presidente del Veneto senza uno straccio di prova, e’ degno di un hater professionista, non del Sindaco di una città meravigliosa come Asolo». Interviene con queste parole il capogruppo di Zaia Presidente, Silvia Rizzotto, nel commentare la polemica tutta social inscenata dal primo cittadino di Asolo, Migliorini, contro il Governatore Zaia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il Sindaco Migliorini farebbe bene a vergognarsi per quanto ha scritto sui social contro il Presidente Zaia. Nei modi, perché un Sindaco non può permettersi, mai, di apostrofare così un Presidente di Regione: si chiama rispetto, istituzionale -continua Rizzotto- Nel merito, perché non sa di cosa parla: i giornali nazionali da settimane spiegano come l’emergenza Coronavirus abbia svuotato i magazzini mondiali, di come non si riesca, purtroppo, da tempo a reperire più il materiale. E come la Regione Veneto sia stata tra le prime a chiedere, con assoluta urgenza, nuovi stock di queste, in arrivo a breve. Il Sindaco Migliorini poi millanta di “masse di documentazione a riposta veloce chieste dalla regione agli enti locali. Siamo curiosi: dì quali documenti si parla? Sarebbe disposto a segnalarceli via PEC, come fanno tutti gli enti del Veneto, piuttosto che commentare alla 5 Stelle sui social? Sono certa che il Presidente di Regione più stimato d’Italia non abbia tempo di abbassarsi a rispondere a certe farneticanti affermazioni. Spiace, piuttosto, per l’immagine di Asolo, città storica e di grande magnificenza, e che, evidentemente, meriterebbe un Sindaco con un savoir faire degno della sua importante storia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento