«Basta nuovi supermercati a Treviso», raccolta firme per approvare la petizione

Venerdì 2 ottobre è partita la nuova iniziativa di Coalizione Civica che vuole inserirsi tra le proposte della Variante al Piano degli interventi attesa per il prossimo 10 novembre

La protesta di Fridays for future contro il nuovo supermercato Alì all'Appiani

E’ iniziata venerdì 2 ottobre e sia avvia a superare le 250 sottoscrizioni, la petizione al sindaco di Treviso per dire "Basta cemento e nuovi supermercati a Treviso", promossa da Coalizione Civica per Treviso.

La petizione si inserisce nel percorso di proposte dei cittadini all'amministrazione per l’elaborazione della Variante al Piano degli Interventi, proposte di cui è prevista la presentazione entro il prossimo 10 novembre. Spiegano i militanti di Coalizione Civica per Treviso: «Partendo dalla consapevolezza del cambiamento climatico in atto e dall’importanza del contenimento del consumo di suolo per porvi freno la petizione continua con la proposta delle azioni all’amministrazione comunale. In questo momento, in relazione al consumo di suolo che contribuisce tanto al mutamento climatico quanto all’incremento dell’inquinamento atmosferico e a minare l’equilibrio idrogeologico, chiediamo al sindaco di proporre all’approvazione del Consiglio comunale una variante al Piano degli Interventi che preveda il “consumo di suolo zero”, cioè in cui non sia previsto alcun tipo di possibilità di realizzazione di nuove edificazioni in aree verdi o di ampliamento di quelle esistenti che comporti utilizzo di superficie non impermeabilizzata.

Chiediamo poi - proseguono - di porre in essere tutte le misure utili a bloccare o ridurre il consumo di suolo già previsto nella pianificazione urbanistica comunale, ad esempio respingendo le richieste di proroga dei tempi di realizzazione dei piani di costruzione, non approvando le varianti ai progetti che permettano di rendere “appetibili” lottizzazioni finora bloccate, favorendo gli interventi di recupero edilizio che non comportino aumenti della superficie utilizzata e dei volumi. Infine, ma non per questo meno importante, chiediamo al sindaco di non approvare le richieste di realizzazione di nuove strutture commerciali di medie e grandi dimensioni che fanno una concorrenza difficilmente sopportabile a quei negozi di vicinato che rappresentano luoghi di vita e di socialità dei nostri quartieri e che progressivamente sono costretti a chiudere proprio dalla competizione non sostenibile con supermercati e ipermercati. Nelle prossime settimane avvieremo iniziative pubbliche per l’informazione ai cittadini e per la raccolta di sottoscrizioni sull’appello» concludono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' possibile sottoscrivere la petizione al seguente link oppure scrivendo una e-mail a coalizionecivicatreviso@gmail.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento