menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Berlusconi lancia Zaia come candidato per il centrodestra

Il governatore apprezza ma avverte l'ex premier: "Basta con questa manfrina. Noi della Lega Nord un candidato ce l'abbiamo già e si chiama Matteo Salvini"

ROMA "Serve una nuova moneta per riprenderci la sovranità monetaria. Conservare l'euro per le importazioni e le esportazioni e con una nuova moneta interna provvedere a tutti i pagamenti dello Stato per aiutare chi è rimasto indietro. Sono assolutamente convinto di questa soluzione". Lo ha detto il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi che, a proposito del suo possibile ritorno nell'agone politica ha aggiunto: "Se Berlusconi non potrà tornare in campo, il centrodestra dovrà trovare qualcuno al suo interno. Il governatore del Veneto Luca Zaia si sta comportando molto bene. Dico Zaia o qualcun altro in grado di emergere e convincere tutti".

Infine s'è rivolto all'ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi:"E' una guerra che sta lacerando il Pd, che ormai sembra un contenitore vuoto. Renzi ha commesso degli errori, soprattutto di arroganza e i naffidabilità, ma il resto del suo partito sta usando gli stessi metodi ma senza il suo carisma".

"Basta con questa manfrina. Noi della Lega Nord un candidato ce l'abbiamo già e si chiama Matteo Salvini", ha replicato Zaia a stretto giro di posta. "Apprezzo - ha sottolineato ancora Zaia - la dimostrazione di stima, ma questa storia sta penalizzando i veneti perché quando si va a trattare qualcosa la sensazione è che ci sia sempre un retropensiero. Lasciateci e lasciatemi governare in pace voglio portare autonomia in Veneto con il referendum".

"Se i leader degli altri partiti indicano nomi della Lega Nord come candidati premier sono il più felice e orgoglioso, ma se qualcuno pensa di mettere zizzania nella Lega facendo i nomi ha sbagliato tutto, a differenza di altri noi siamo una squadra", ha detto poi Matteo Salvini parlando al fianco dello stesso Zaia oltre che di Roberto Maroni, durante la conferenza stampa convocata in Via Bellerio dopo il consiglio federale. "La doppia moneta di cui parla Berlusconi - ha rincarato la dose - non ha alcun senso economico in questo momento storico. Non più il tempo di parziali sovranità, o di qua o di là". Secondo il segretario federale del Carroccio, la priorità del centrodestra deve essere quello di "scindere il Pd dal governo dell'Italia" perchè "ormai l'Italia è una repubblica fondata sulle beghe del Pd" e "il problema del Paese si chiama Renzi di cognome e Matteo di nome".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento