Bocciati i pirogassificatori di Gaiarine e Paese. Bottacin e Marcato: "La salute prima di tutto"

Nel corso della seduta di venerdì la Giunta di Palazzo Balbi ha approvato le delibere presentate dai due assessori regionali: "Si tratta di una vittoria per la sicurezza del territorio"

GAIARINE Nel corso della seduta di venerdì la Giunta regionale ha approvato due delibere, presentate di concerto dagli assessori all’ambiente Gianpaolo Bottacin e all’energia Roberto Marcato, in cui sono state bocciate le richieste di autorizzazione degli impianti di cogenerazione mediante pirogassificazione, alimentati a biomassa, da realizzarsi nei comuni di Paese (per una potenza elettrica pari a 4,148 MW e potenza termica pari a 17,2 MW) e di Gaiarine (per una potenza elettrica pari a 2.074 MW e potenza termica pari a 8,600 MW).

“Dando seguito anche a quanto già espresso sia in sede di commissione tecnica regionale che nelle diverse conferenze di servizi – spiegano i due assessori – abbiamo inteso avvalorare un parere non favorevole a tutela del territorio. Già in sede di collegato alla legge di stabilità 2017 avevamo infatti voluto proporre una norma, purtroppo impugnata dal governo, in cui ponevamo una serie di precisi paletti all'autorizzazione di impianti energetici a biomassa, sottolineando che detti impianti potessero essere realizzati solo a determinate distanze dalle abitazioni e, se in area agricola, solo se proposti da agricoltori a titolo principale”. “Relativamente agli impianti di Gaiarine e Paese, avendo registrato i pareri tecnici negativi, una volta completata l'istruttoria degli uffici come Giunta abbiamo deciso quindi di confermare il diniego, anche se un supporto legislativo, che al momento manca a causa dell’impugnativa statale, ci avrebbe messo al riparo da sempre possibili ricorsi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Resta peraltro il dispiacere - concludono Bottacin e Marcato - per la mancanza di una norma generale, che noi avevamo proposto, con cui si intendeva frenare in maniera decisa la proliferazione degli impianti energetici, soprattutto quelli sopra i 1000 kW. Anche senza una specifica norma tuttavia, come fatto ora per le situazioni di Gaiarine e Paese, noi continueremo a vagliare approfonditamente ogni singola situazione assumendoci se del caso la responsabilità di negare le autorizzazioni, perché per noi prima di tutto viene la salute dei cittadini e la sicurezza del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento