Put a Montebelluna, Borgia: "Questo Pdl non sa più ascoltare la sua gente"

Il dirigente provinciale lancia la proposta di un assemblea pubblica con i commercianti della città

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

"Avrei preferito che i rappresentanti del PDL montebellunese invece che perdere il loro prezioso tempo a rispondere ad un semplice tesserato, come mi definisce Deborah Varaschin, fossero scesi in piazza a spiegare la loro ferrea posizione davanti alla folla che venerdì ha manifestato davanti al comune. E' sbagliato e miope ridurre questo dibattito sul futuro della città a una bega di partito".

A dirlo è Claudio Borgia, dirigente provinciale del PDL, controreplicando alla componente consiliare del Pdl e al coordinatore comunale.

"Specie dopo i recenti atti di vandalismo e intimidazione di cui sono stati vittime i commercianti contrari al PUT ribadisco con forza la mia vicinanza alla categoria. Il clima che si è creato dovrebbe far riflettere la maggioranza su quali conseguenze derivano dal non ascoltare la città. La mia richiesta di varare una moratoria sul piano è oggi ancor più pressante, dobbiamo fermarci a riflettere e discutere insieme, intestardirsi sulla difesa di un progetto che ci ha portati sino a qui potrebbe produrre conseguenze più gravi".

Ma quella di Borgia non è una semplice controreplica: "Anziché continuare a investire risorse su un progetto che ha evidenti criticità, meglio concentrarsi sul finanziare iniziative ed eventi che permettano a tutte le piazze del centro di ripopolarsi, di far tornare ad essere Montebelluna il centro di riferimento della zona Pedemontana. Ci rendiamo conto della crisi che stiamo attraversando? Sappiamo o no che molti negozi sono in estrema difficoltà e che una politica di pedonalizzazione calata dall'alto rischia di far chiudere i negozi, per non parlare della prossima apertura di centri commerciali? Che futuro vogliamo per la nostra città?".

"Non è mia intenzione", continua Borgia, "fare una polemica di partito, bisogna avere buon senso però; se il Pdl del palazzo è "unito e compatto" allora questo Pdl non sa più ascoltare i propri elettori. Io prima di tutto da cittadino montebellunese invece ho invece intenzione di farlo".

Proprio per questo Borgia rilancia: "Valuterò, insieme a tutte le componenti impegnate in questi giorni ad esprimere il loro dissenso, l'opportunità di convocare un' assemblea pubblica. Sembra che ricevere i commercianti, ascoltarli, sia per questa amministrazione un lusso da concedere con parsimonia tanto che il sindaco dice di accettare il confronto solo con una delegazione. Io ho intenzione di ascoltarli tutti insieme".

Torna su
TrevisoToday è in caricamento