Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Capitale della Cultura 2018: doccia fredda per la città di Montebelluna, chiesta l'esclusione

A chiedere un provvedimento esemplare è stato Giorgio Zanin, parlamentare friulano del PD. Sul fatto dovrà ora esprimersi il Ministro della Cultura Dario Franceschini

MONTEBELLUNA Doccia fredda nelle ultime ore per la città di Montebelluna e il suo sindaco Marzio Favero (Lega Nord). Nelle ultime ore, infatti, il parlamentare friulano del PD Giorgio Zanin ha chiesto al Ministro della Cultura Dario Franceschini di escludere la candidatura trevigiana dal concorso per "Capitale della Cultura 2018". Una richiesta arrivata come un fulmine a ciel sereno, soprattutto se si considera che la decisione finale sulla città vincitrice sarà presa e comunicata tra pochissimi giorni, il 31 gennaio. Montebelluna è infatti tra le dieci città italiane scelte all’unanimità dalla giuria presieduta da Stefano Baia Curioni tra le 21 città partecipanti al titolo di Capitale italiana della cultura per il 2018, unica città veneta assieme ad Alghero, Aquileia, Comacchio, Erice, Ercolano, Palermo, Recanati, Settimo torinese e Trento.

Il motivo però della proposta di esclusione? Semplice, la partecipazione del sindaco alla manifestazione di dicembre contro l'hub per immigrati a Volpago del Montello. Un sostegno, secondo Zanin, inammissibile per una città che potrebbe in futuro fregiarsi del titolo di Capitale della Cultura: "Con il suo gesto compromette e pregiudica infatti lo stesso concetto di cultura, che è scambio e condivisone" fa sapere il deputato. "Il primo cittadino di Montebelluna non è nuovo a manifestazioni contro i richiedenti asilo e chiaramente si è mostrato contrario alle politiche di integrazione nei confronti dei profughi. Uno spirito questo del tutto contrario all’obiettivo della cultura e di chi debba portarne il ruolo di simbolo, dal momento che il bando per la nomina della capitale prevede che il progetto sia efficace come azione culturale diretta al rafforzamento della coesione e dell’inclusione sociale. Non si può perciò negare che il concetto ricomprenda anche il tema dell'accoglienza". E' infine da segnalare che anche la parlamentare trevigiana del Pd Floriana Casellato ha sottoscritto l'interrogazione, anche se la motivazione sarebbe differente, ossia cercare di capire perchè sia stata scelta tra le dieci finaliste Montebelluna e non Vittorio Veneto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitale della Cultura 2018: doccia fredda per la città di Montebelluna, chiesta l'esclusione

TrevisoToday è in caricamento