rotate-mobile
Politica

Casartigiani incontra i candidati sindaci, faccia a faccia con Giorgio De Nardi

Al centro del confronto i temi delle infrastrutture, dei servizi sociali, del supporto alle piccole attività e il rilancio del centro storico sul fronte della residenzialità, del turismo e dello shoppinng. Giovedì 27 aprile tocca al sindaco uscente Mario Conte

Casartigiani Treviso, in questi giorni prima del voto amministrativo del 14 e 15 maggio per il rinnovo del consiglio comunale del capoluogo, è promotrice di una serie di incontri con i candidati alla carica di sindaco. La presidenza dell’associazione ha deciso questi incontri bilaterali, aperti anche agli associati, per la conoscenza dei programmi delle varie coalizioni che si candidano a governare la città.

Lunedì scorso, 17 aprile, si è svolto il primo appuntamento, che ha avuto luogo nella sala riunioni di Casartigiani Treviso, con il candidato di centrosinistra Giorgio De Nardi e con Franco Rosi. Da parte del gruppo dirigente dell’associazione questo primo faccia a faccia è stato l’occasione per ribadire le proprie priorità: «Stiamo seguendo con attenzione e con la consueta partecipazione lo svolgimento della campagna elettorale che riguarda la città di Treviso» ha dichiarato il presidente di Casartigiani Treviso Franco Storer «come associazione di rappresentanza della categoria artigiana e delle piccole attività imprenditoriali del nostro territorio il primo obiettivo è quello di conoscere da vicino, dai diretti interessati, le proposte e le visioni sul futuro della città. Ci vogliamo prima di tutto mettere in ascolto. Nondimeno il nostro ruolo prevede anche di essere parte attiva e di segnalare alla politica le nostre priorità. Torniamo quindi a sottolineare l’urgenza di intervenire sul fronte della viabilità: va completato in tempi brevi, e senza esitazioni, il Terraglio Est, e va realizzato il quarto lotto della tangenziale. Tra i nostri associati» aggiunge Storer «ci sono poi molti titolari di attività nel centro storico trevigiano: anche qui chiediamo alla prossima amministrazione un salto di qualità e un rilancio su più fronti, dalla sicurezza al decoro, passando per l’accessibilità generale del centro, con la disponibilità di parcheggi». Un passaggio, da parte del direttore Salvatore D’Aliberti ha riguardato anche la richiesta di istituire un tavolo permanente con le categorie.

Nel rispondere a queste istanze il candidato del centro sinistra, Giorgio De Nardi, 62 anni fondatore nel 1988 della società Aton, sostenuto in questa campagna da sei liste, ha sottolineato il suo ruolo di imprenditore mettendo in evidenza le assonanze con la categoria artigiana nel rapporto con la pubblica amministrazione garantendo la volontà di introdurre maggiore efficienza nei confronti dei cittadini. De Nardi ha illustrato un nuovo modello di sviluppo per Treviso, di ispirazione europea, ispirato dal concetto di “Città di acque, arti e risorgive” per valorizzare gli asset naturalistici del territorio con nuovi percorsi ciclopedonali. Per rilanciare il centro storico il candidato ha sostenuto l’intenzione di procedere con un progetto di pedonalizzazione che passa attraverso una vera e propria rivoluzione dei trasporti, attraverso un sistema di parcheggi scambiatori e navette per gli spostamenti intramoenia. Per rilanciare la residenzialità e per agevolare l’apertura di nuove attività negli spazi sfitti del centro ha parlato delle possibilità offerte dalla leva fiscale e ha infine anche messo in evidenza l’immobilismo dell’attuale giunta sul fronte dei progetti strategici, del turismo e lo scarso utilizzo dei fondi europei rispetto ad altre città.
Il prossimo incontro in programma è con il sindaco uscente Mario Conte e il vice Andrea De Checchi, giovedì 27 aprile, alle ore 20.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casartigiani incontra i candidati sindaci, faccia a faccia con Giorgio De Nardi

TrevisoToday è in caricamento