rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Politica

Cento per cento di presenze per Andrea Zanoni in Europa

Andrea Zanoni (Eurodeputato IdV) primo nella classifica delle presente dei deputati italiani redatta da Vote Watch. Primo anche tra tutti i deputati del gruppo ALDE. “L'Europa è in difficoltà, è nostro dovere fare il massimo per salvarla”. “Non voglio premi, solo meritarmi la fiducia dei miei elettori”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Il sito Vote Watch ha pubblicato la classifica annuale della presenza degli Eurodeputati alle sessioni plenarie del Parlamento europeo di Strasburgo, il momento topico di tutta l'attività parlamentare.

Andrea Zanoni figura primo con il 100 % di presenze da quando è stato eletto Europarlamentare (settembre 2011), questo vuol dire che non ha mancato nemmeno una seduta. Zanoni è anche primo tra tutti gli 85 deputati del gruppo politico ALDE (di cui fa parte IdV). “Siamo pagati per lavorare ed è giusto rendere al massimo. In questo momento di crisi europea, è fondamentale essere presenti a Bruxelles e Strasburgo per difendere gli interessi dei nostri concittadini”.

Il sito Vote Watch, cane da guardia degli Eurodeputati, ha pubblicato per il terzo anno consecutivo la classifica delle presenze a Strasburgo. I dati sono stati confermati dai servizi del Parlamento stesso. Zanoni è in cima alla classifica dei 73 deputati italiani insieme ad altri tre colleghi. Ultimo con il 61,68 % delle presenze Aldo Patricello (Pdl). “Partecipare ai lavori del Parlamento non è mai stato così importante come in questo periodo di brutta crisi economica, con voti fondamentali sul futuro assetto dell'Unione europea stessa”, afferma Zanoni. “Mancare a Strasburgo, al di là delle emergenze personali, è irresponsabile nei confronti delle generazioni future che dovranno fare i conti con le decisioni che vengono prese oggi”.

“Purtroppo il fenomeno dell'assenteismo italiano non è limitato alle sole sessioni plenarie di Strasburgo – continua l'Eurodeputato – Anche nelle commissioni parlamentari e nelle riunioni di gruppo politico (le grandi famiglie che raccolgono partiti simili nei diversi stati Ue, ndr) i posti degli italiani sono spesso vuoti”. “Io me ne accorgo in commissione Ambiente, dove a volte mi ritrovo ad essere l'unico italiano presente, nonostante i dossier importantissimi che vengono votati, dalla tutela della biodiversità alle falde acquifere, dall'uso dei pesticidi agli obiettivi di riduzione delle emissioni di Co2 in Europa che nuocciono al clima”.

“Vado al Parlamento anche con la febbre per meritare la fiducia che i miei elettori mi hanno accordato con il loro voto e la loro fiducia”, conclude Zanoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cento per cento di presenze per Andrea Zanoni in Europa

TrevisoToday è in caricamento