menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Candidatura Unesco delle colline del prosecco: altri 180mila euro dalla Regione

Azzalin e Zanoni (PD): «Ancora soldi, è una vergogna. Le casse regionali non sono il bancomat della Lega»

«Altri 180mila euro per la candidatura Unesco delle Colline del Prosecco. Nuovi soldi per uno studio suppletivo, come se in dieci anni non ne fossero stati spesi abbastanza. L’ennesimo finanziamento è una vergogna sia sul piano politico che su quello amministrativo». È quanto affermano i consiglieri del Partito Democratico Graziano Azzalin e Andrea Zanoni dopo la delibera con cui è stato aggiornata la promozione dei Grandi eventi con nuovo elenco e relativa spesa.

«A luglio c’è già stata una bocciatura pagata a caro prezzo, centinaia di migliaia di euro dei cittadini veneti gettati al vento per un capriccio del governatore. Dopo il no dell’Unesco e nonostante un iter durato dieci anni, Zaia insiste: altro studio e altri fondi regionali. Risorse pubbliche senza che mai ci sia una relazione accompagnatoria che spieghi dove vengono spesi questi soldi e appannaggio di chi. Anche per la candidatura olimpica di Cortina il presidente non si è mai degnato di venire a illustrarla in Consiglio, l’abbiamo appreso dai media. E adesso, dopo che è stata ufficializzata dal Coni, troviamo 42mila euro nell’elenco dei Grandi eventi e altri 500mila nella variazione di bilancio. Non siamo contrari alle Olimpiadi, ma è un modo di gestire le cose che non va bene: le casse regionali non sono il bancomat della Lega».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento