Referendum sui pesticidi a Conegliano: «Sbagliato impedire il voto dei cittadini»

È duro il commento di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico e vicepresidente della commissione Ambiente a Palazzo Ferro Fini

Pesticidi

«Trovo grave che si impedisca ai cittadini di Conegliano di partecipare a un referendum su temi molto sentiti, come la tutela della salute e la nocività dei pesticidi. Il sindaco, di fatto, ha abdicato al proprio ruolo, facendo da scaricabarile con Roma, ma anche consorzi e associazioni agricole hanno perso un’occasione importante per un confronto democratico; il parere legale arrivato all’ultimo momento, sembra proprio una mossa ad hoc, a orologeria, per bloccare la consultazione. Potevano farlo arrivare ben prima in modo che l’amministrazione potesse valutare i dubbi sollevati con i propri legali e invece hanno atteso, strumentalmente, l’ultimo istante». È duro il commento di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico e vicepresidente della commissione Ambiente a Palazzo Ferro Fini, dopo l’annuncio del rinvio del referendum  contro i pesticidi, in programma il 24 novembre, perché la Giunta avrebbe intenzione di chiedere una valutazione di legittimità al ministero dell’Interno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«È sbagliato nascondersi dietro i due pareri legali opposti, girando le spalle ai propri cittadini senza assumersi le proprie responsabilità, come hanno invece fatto altri sindaci -continua Zanoni- Per questo referendum sono state raccolte migliaia di firme, grazie all’instancabile lavoro dei volontari del comitato e adesso si stoppa tutto. È un’occasione persa. Credo sia anche un autogol per il gruppo di consorzi di tutela e associazioni agricole: dovrebbero avere interesse a conoscere come la pensano i cittadini su argomenti così delicati. Non è il primo referendum del genere che si svolge in Italia, ci sono dei precedenti; è evidente che questa opposizione legale, al di là delle parole di circostanza sulla ‘non contrarietà alla consultazione popolare’ è del tutto strumentale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento