Coronavirus: «Governo smetta di perdere tempo, subito agevolazioni fiscali»

Così il deputato della Lega Massimo Bitonci, già sottosegretario al Mef. Fracasso (PD): «Totalmente immotivata la corsa ai supermercati, non essendoci nessuna criticità alimentare»

«Conte, Pd e M5S la smettano di perdere tempo e di farci perdere tempo con il Pdl intercettazioni e si lavori tutti su provvedimenti che possano garantire zone tax-free e agevolazioni fiscali per fronteggiare un’emergenza sanitaria che, inevitabilmente, porta con sé preoccupanti ripercussioni economiche. Ascoltino le richieste delle Lega: vengano interrotti versamenti Iva, Irap, Irpef, contributi Inps e altri adempimenti fiscali per attività commerciali, artigiani, liberi professionisti e categorie produttive». Così il deputato della Lega Massimo Bitonci, già sottosegretario al Mef.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’incontro di oggi è stato utile per fare il quadro della situazione: indubbiamente siamo in una fase complessa e in continua evoluzione, perciò sarà necessario aggiornarci con frequenza. Condividiamo le misure prese di intesa con il Ministero, l’obiettivo di ridurre la circolazione del virus è di primaria importanza in questi giorni». A dirlo è Stefano Fracasso, capogruppo del Pd a Palazzo Ferro Fini, al termine della riunione di oggi a cui hanno partecipato l’assessore alla Sanità Lanzarin e la dottoressa Russo, responsabile del Dipartimento Prevenzione. «Anzitutto abbiamo appreso con soddisfazione della negatività al virus del personale dell’Ospedale di Schiavonia, a loro e a tutte le donne e gli uomini del Servizio sanitario del Veneto va il nostro ringraziamento per quello che stanno facendo. Da parte nostra abbiamo semmai segnalato la necessità di un più stretto coordinamento con i sindaci che s trovano a gestire le chiusure delle scuole o a dover stoppare manifestazioni o eventi pubblici. Per quanto riguarda l’espandersi del contagio è evidente che il criterio epidemiologico del contatto con cittadini cinesi, o rientranti dalla Cina, non è più efficace per la ricostruzione della dinamica della diffusione in Veneto e l’isolamento di Vo’ Euganeo è necessario per confinare il focolaio, mentre risulta totalmente immotivata la corsa ai supermercati, non essendoci nessuna criticità alimentare. Infine - conclude la nota del capogruppo Fracasso. - abbiamo ribadito che in questo momento la risposta delle istituzioni e delle forze politiche deve essere improntata alla massima chiarezza nei confronti dei cittadini, la cui salute viene prima di ogni altra considerazione. Ed in questo senso si orienta anche il comportamento del gruppo del Partito Democratico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Ammoniaca vs candeggina: cosa uccide meglio i germi?

Torna su
TrevisoToday è in caricamento