Politica Maserada sul Piave

Doppio incarico, Casellato si difende: "Faccio il sindaco gratis"

Il primo cittadino di Maserada sul Piave e deputato alla Camera replica alle polemiche sull'emendamento approvato dalle commissioni, che permette ad alcuni amministratori locali di mantenere due "poltrone"

Approvato nel cosiddetto "decreto del Fare" un emendamento che permette a una ventina di sindaci di portare a termine il loro mandato sebbene eletti anche alla Camera o al Senato.

Un emendamento che non ha mancato di suscitare polemiche, ma i sindaci si difendono. Tra questi Floriana Casellato, deputata del Pd e primo cittadino di Maserada sul Piave.

"Non vorrei si strumentalizzasse l’emendamento approvato", interviene Casellato, puntualizzando che i sindaci che potranno mantenere la loro carica sono per lo più alla guida di comuni di medie dimensioni e a meno di un anno dallo scadere del mandato.

“Appena eletta alla Camera ho sospeso la mia indennità economica da sindaco - ricorda Casellato - Da marzo infatti non percepisco nulla per continuare ad esercitare il mio mandato a Maserada sul Piave. Lo considero un servizio al territorio e ai miei cittadini, oltre che un supporto alla mia Giunta, in un mandato che ormai si sta concludendo".

"L’emendamento votato permette alla sottoscritta e a circa altri venti sindaci di comuni sotto i 15mila abitanti, di portare a termine un percorso che, come per me, dura da nove anni - aggiunge - Non è solo la soddisfazione di completare alcuni progetti e attività avviate nel tempo, ma un impegno verso i cittadini che mi hanno votato e che considerano il Sindaco da sempre un punto di riferimento”.

E il pensiero di Casellato va anche a Laura Prati, sindaco di Cardano al Campo, morta in seguito a una sparatoria in municipio: "La sua vicenda mi ha particolarmente commossa e nel ricordare Laura, penso ai molti sindaci che tutti i giorni diventano mediatori per le necessità dei propri cittadini, cercano risposte e soluzioni esercitando con passione e grande impegno l’incarico assunto con l’elezione. Non è permettendo ad alcuni di loro, a costo zero per la collettività, di concludere il proprio mandato, che si commette uno sbaglio. L’errore, piuttosto - conclude - è rallentare e impedire i lavori del Parlamento rischiando di far slittare decreti importanti come quelli in agenda per queste due settimane”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppio incarico, Casellato si difende: "Faccio il sindaco gratis"

TrevisoToday è in caricamento