Elezioni comunali: presentata la lista civica "Carola Arena Sindaco Mogliano 2024"

Il sindaco uscente: "Senza alcuna esitazione mi ricandido alle prossime amministrative per continuare un percorso decennale e portare a termine sia i progetti in corso sia dare il via agli obbiettivi dei prossimi 5 anni"

Si è tenuta sabato mattina, presso il plateatico dell’Enoteca Fenice in Mogliano Veneto, la conferenza stampa di presentazione alla cittadinanza della Lista Civica "Carola Arena Sindaco Mogliano 2024”. Ad aprire la conferenza è stato Italo Improta, coordinatore della lista, sottolineando che la medesima, pur rinnovata sia nell’immagine che in larga parte della sua compagine, "rimane comunque radicata nelle proprie origini. La Lista è caratterizzata da una rilevante presenza di persone da sempre impegnate nel mondo del volontariato che, insieme agli altri candidati, portatori di esperienze e conoscenze importanti, lascia emergere una particolare attenzione alle questioni attinenti il sociale, la scuola, l’ambiente nel senso più complessivo del termine e le nuove generazioni. Una Lista fortemente conscia del reale bisogno di rafforzare l’idea di una società migliore, più inclusiva ed attenta alle molteplici fragilità che la complessità della vita moderna determina".

"Mogliano 2024 nasce per le elezioni comunali del 2014 nell’ambito del progetto che Carola Arena, allora candidato sindaco, aveva proposto alla città. L’ampio respiro del programma, proiettato per dieci anni di legislatura, è l’origine del nome della nostra lista - continua Improta - 'Dieci Anni di Buona Amministrazione' titolava quel programma che fu assunto da tutta la coalizione ed è stato perseguito nel corso di questo quinquennio con serietà e concretezza. Gli importanti risultati ottenuti, che finalmente rendono visibile una prospettiva di città a misura d’uomo, sia dal punto di vista urbanistico che per l’importante crescita dell’attenzione dell’amministrazione ai bisogni reali dei cittadini - partendo dalle fasce più deboli attraverso progetti concreti già in essere ed in continua espansione - sono già sotto gli occhi di tutta la città".

"A questo quadro non è estraneo lo stato in cui versa la scuola nel nostro paese, che subisce uno stato di precarietà dovuto alla scarsa attenzione che nel tempo parte della politica le ha dedicato, a partire dai Governi per finire con le amministrazioni comunali.  Anche Mogliano ha subito questo stato d’abbandono per troppo tempo, e solo gli investimenti che la giunta guidata da Carola Arena ha cominciato a fare costituiscono una importante novità per la nostra città - dichiara Improta - Oggi Mogliano deve rivedere la quantità del suo patrimonio di edilizia scolastica ed impegnare per quello residuo un importante cifra, che noi stimiamo nei cinque anni di 10 milioni di euro, per intervenire sulle scuole che resteranno aperte e raggiungere l’obiettivo che ci siamo proposti. È un impegno che dovrà fare riferimento ad un vero e proprio master plan degli istituti scolastici, che nei cinque anni renderà concreta la realizzazione di parte importante dell’obiettivo che abbiamo individuato. È un impegno rilevante che va ad affiancarsi alle risorse necessarie a completare gli ulteriori stralci nella realizzazione della nuova Biblioteca, i cui lavori sono già iniziati in questa legislatura per un totale di ulteriori 3 milioni di euro, così come l’avvio della realizzazione del Parco Sportivo (Cittadella dello sport)".

"Una città che funziona, con una gestione competente e trasparente, che rende la vita delle persone che ci vivono più dignitosa, con l’ambizione che a tutti i cittadini siano garantite le stesse opportunità e gli stessi diritti. Una città dove i nostri concittadini più fragili, gli anziani, i giovani, le famiglie in difficoltà, le donne, siano sempre più tutelati. Una città che attrae, che cresce in modo etico, intelligente ed ecologico, capace di ridare dinamismo culturale in tutti i campi, a partire dagli investimenti fatti nel sociale, nella scuola, negli eventi culturali, nello sport e nelle numerose opere pubbliche avviate e in parte già terminate in questo primo quinquennio. Ora si tratta di dare seguito a quel programma di dieci anni di buona amministrazione per completare quel quadro che Carola Arena ci aveva proposto cinque anni fa. Proprio per questo la lista Mogliano 2024 ha voluto ribadire con forza questa sua identità di vedute con Carola Arena e ne sostiene la rielezione a sindaco in queste elezioni per i prossimi cinque anni. Noi lavoriamo per la Mogliano di tutti, più bella, più aperta ed inclusiva, capace di non lasciare indietro nessuno" conclude Improta.

Successivamente è intervenuta l’Assessore Tiziana Baù riaffermando la visione di questa Amministrazione: la Mogliano di tutti dove nessuno resta indietro: "Le politiche amministrative portate avanti in questo quinquennio hanno evidenziato un nuovo modo di considerare il cittadino in maniera trasversale e comune. La persona, con le sue esigenze e bisogni, è stata messa al centro delle scelte nei vari ambiti di governo in una più ampia visione progettuale. Tendere al raggiungimento del benessere ha comportato scelte coraggiose e impegni economici rilevanti credendo nell’importanza della dignità umana e nel rispetto delle capacità di ciascuno. Un nuovo modo di agire cercando di mettere al centro dell’azione non il bisogno fine a sé stesso, ma la persona".

"Scelte importanti che hanno tracciato una strada di protezione e sostegno sociale e la decisione di mettere in campo politiche e progettualità condivise. Il nostro impegno si rinnova quindi in questo ambito per far si che la nostra città sia sempre più inclusiva e generativa, nell’ottica di una Mogliano nella quale nessuno resta indietro e dove è fondamentale perseguire e promuovere interventi sociali, assistenziali e sociosanitari che garantiscano un aiuto concreto alle persone e alle famiglie in difficoltà. Un esempio è sicuramente il co-housing per anziani autosufficienti o la progettualità della creazione di una rete di prossimità o ancora la realizzazione di un social-housing per famiglie chiosa Baaù - Riteniamo sia opportuno, dove possibile, privilegiare la domiciliarità della persona assistita ed il mantenimento delle relazioni familiari presenti attraverso sostegni economici al nucleo familiare o attraverso il potenziamento di servizi destinati alla familiarità per allontanare per quanto possibile il rischio della istituzionalizzazione. Importante in quest’ambito anche implementare il sostegno al mondo del terzo settore che opera nel campo delle demenze o della disabilità".

A concludere la conferenza è stata il sindaco Carola Arena facendo luce sulla pesante eredità del 2014: "Un bilancio che non era ancora stato approvato, nessun progetto in corso e la mancanza di fondi dovuta in gran parte al necessario accantonamento di oltre 5 milioni di euro a causa dell’illegittima liquidazione lunga della SPL, opera dell’Amministrazione uscente. Così si perse tutto il 2015 per entrare nel 2016 progettando senza fondi e potendo quindi solo dare il via alle opere nel 2017. Oggi, con un investimento di opere in corso di 5 milioni di euro, v’è un avanzo di circa 2,5 milioni. Sono stati 5 anni molto impegnativi, ma con risultati già visibili grazie alla visione di Carola Arena che ancora nel 2014 scelse di candidarsi proprio per ridare vita alla città di Mogliano Veneto, che da decenni non beneficiava di alcun miglioramento a livello sociale e urbanistico. Senza alcuna esitazione mi ricandido alle prossime elezioni comunali proprio per continuare quel percorso decennale e portare a termine sia i progetti in corso sia dare il via agli obbiettivi dei prossimi 5 anni. Mogliano 2024 è presente e anche questa volta afferma con convinzione: noi ci siamo!".

volantino_Mogliano_2024_web-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Torna la neve a bassa quota: stato di attenzione nella Marca

Torna su
TrevisoToday è in caricamento