Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Elezioni a Conegliano, Confcommercio e Confartigianato consigliano i candidati sindaco

Le due associazioni coneglianesi hanno avviato l’indagine tra le imprese per conoscere i “desiderata” dei cittadini in vista delle prossime amministrative

Maurizio Gibin

Mentre tra le liste fervono i preparativi e i candidati si preparano ai blocchi di partenza di una campagna che si annuncia affollata, animata e difficile, a Conegliano Confcommercio e Confartigianato si sono confrontate con le rispettive realtà per fornire indicazioni utili ai candidati Sindaco sulle reali istanze delle imprese coneglianesi. Per farlo hanno organizzato un’indagine conoscitiva, commissionata ad una società di ricerca nazionale, che tramite questionari diretti sta interrogando le imprese associate (e non) sui vari problemi che affliggono la città e sui “desiderata”, ovvero sulla Conegliano che si vorrebbe.

"Il progetto - spiegano i Presidenti Maurizio Gibin per Confcommercio e Severino Dal Bo per Confartigianato – ha preso forma nella primavera ed ora si sta concretizzando. E’ un’indagine importante, in corso in questi giorni, che presenteremo ai primi di settembre prima del silenzio stampa pre-elettorale. Uscirà una fotografia precisa dei problemi maggiormente sentiti ma anche l’indicazione di soluzioni e desideri. Sarà l’agenda che noi, in rappresentanza del commercio, del terziario e dell’artigianato, presenteremo pubblicamente a tutti i candidati Sindaco, e sulla quale misureremo l’operato dell’Amministrazione. Conegliano esce, come tante città d’arte, da una crisi profonda, azzerata e con una seria necessità di rilancio, con questioni ataviche mai risolte".

"Chiunque voglia amministrare, non potrà prescindere dalle richieste delle imprese, che non solo votano in quanto gli imprenditori sono cittadini, ma creano sviluppo, tengono viva la città e contribuiscono al mantenimento della tenuta sociale - dicono i presidenti - L’iniziativa non è partitica, ma politica nel senso più autentico: vorremmo che le nostre richieste diventassero parte integrante del programma amministrativo, chiunque vinca avrà il dovere di confrontarsi con le categorie e di tenerne conto, perché sono i desideri dell’economia verificati sul campo. In agenda ci saranno non solo le grandi questioni irrisolte (dal Biscione alla stazione…) ma anche quale vorrebbe essere la vocazione di Conegliano e molti spunti sui nuovi modelli di business post Covid".

Conegliano, secondo le Associazioni, ha per tradizione una vivacità politica elevata e la formazione delle varie liste cui stiamo assistendo, è sicuramente un segno di democraticità e di forte partecipazione, ma richiede ancor più un confronto attento e puntuale, oltre che equidistante dagli schieramenti partitici. 

sdalbopreconfartigianatocon.jpeg-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Conegliano, Confcommercio e Confartigianato consigliano i candidati sindaco

TrevisoToday è in caricamento