Giovani Democratici del Veneto: il trevigiano Alessandro Basso rieletto Segretario

Il 25enne di Morgano ha sbaragliato la concorrenza ancora una volta è ottiene così un importante mandato bis. La nomina è avvenuta nella cornice di Palazzo dei Trecento

L'elezione di Alessandro Basso (Foto dell'Avv. Antonella Tocchetto)

TREVISO Un voto quasi scontato, tanto da avvenire all'unanimità, ma non per questo meno importante. Domenica infatti è stata la giornata di Alessandro Basso, 25enne di Morgano che per la seconda volta consecutiva è stato rieletto al comando dei Giovani Democratici del Veneto con la carica di Segretario Regionale.

La nomina da parte del Congresso è avvenuta nella splendida cornice di Palazzo dei Trecento a Treviso e gremita per l'occasione, grazie all'idea del consigliere Stefano Pelloni (neo Segretario Provinciale), di militanti del PD. Una scelta azzeccata e condivisa, come espresso anche dalle parole su Facebook della consigliera Marina Roma: "Bello vedere Palazzo dei Trecento così! Aprire le sale comunali alla politica è un risultato di cui vado molto fiera, anche perché è una sfida che abbiamo condotto proprio nella commissione consiliare di cui faccio parte!". Un appuntamento importante comunque, che ha portato in centro città esponenti di rilievo della politica nazionale e locale, come il Sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta, il sindaco di Treviso Giovanni Manildo, la senatrice Laura Puppato, la deputata Floriana Casellato, il Segretario Regionale del PD Roger De Menech e le avvocatesse trevigiane Antonella Tocchetto e Simonetta Rubinato. Nell'occasione poi, sono state elette anche ulteriori cariche: Leone Cesare Cimetta alla Presidenza di Direzione e Massimiliano Saladino come Responsabile della comunicazione.

Prima della chiusura della serata è stata poi letta anche una lettera di Flavio Zanonato: "Buon lavoro a voi, al Segretario Regionale Alessandro Basso e ai nuovi dirigenti. Nell'augurarvi che il vostro servizio produca gli obiettivi che oggi vi date, vi invito ad investire nello studio, a praticare una tenace e costante curiosità, sia rigoroso l'approfondimento di un tempo così interconnesso e complesso. E date sempre spazio alla formazione a contatto con la vita vera delle persone: la politica è un'arte che si apprende soprattutto nella bottega - concreta e autentica - delle vostre comunità".

Qui sotto una foto dell'assemblea prima del voto finale (Immagine di Marina Roma):

marina roma-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento