rotate-mobile
Elezioni Conegliano 2012

Conegliano: rischio Ciaa, vigileremo e potenzieremo i servizi comprensoriali

Il candidato sindaco Zambon ritorna inoltre sul tema della operatività della nuova ala della caserma dei Carabinieri ("sarà la prima cosa che farò se sarò eletto") e delle telecamere ai varchi della città ("sono ottimi strumenti di indagine anche per i pirati della strada)

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

La notizia della chiusura delle sedi decentrate della CCIAA di Treviso a Montebelluna e Castelfranco Veneto non è passata inosservata e si teme che nel corso dell'anno dalla sede di piazza Borsa possano essere assunte decisioni di tal proposito che riguardano Conegliano.

"Voglio esprimere la mia solidarietà ai due sindaci trevigiani che si vedono privare di un così importante servizio e ribadire quanto già detto per il Tribunale - spiega Floriano Zambon candidato sindaco per Conegliano - Conegliano ha assunto un ruolo attivo di regia e di coinvolgimento con il territorio circostante diventando per i servizi punto di riferimento per tutta la Sinistra Piave. Questo ruolo dovrà essere ulteriormente potenziato e valorizzato in una logica di area non solo per difendere i servizi comprensoriali già operanti, quali la CCIAA ed il Tribunale, ma lavorando a ripristinare quelli persi, quali ad esempio lo sportello Enel".

Zambon rilancia inoltre sulla Caserma dei Carabinieri "è non solo una priorità ma un impegno dei primi 100 giorni. Abbiamo già avviato i contatti con il Ministero dell'Interno che porteranno a breve novità importanti. Sono risultati determinanti gli importanti investimenti fatti negli ultimi dieci anni a Conegliano grazie al progetto sicurezza. A Conegliano sono stati infatti potenziati sia la Compagnia della Finanza sia il Commissariato di Polizia. Il potenziamento della Caserma dei Carabinieri completa un percorso che io stesso ho avviato da sindaco e che ha sempre visto ottime relazioni intrattenute tra Comune e Forze dell'Ordine. Queste valgono molto e lo dimostra la positiva conclusione che sta per avere l'iter di atteso potenziamento della caserma Bonsignore".

E sulla proposta dell'installazione dei lettori di targhe sui sistemi di videosorveglianza ai varchi della città commenta "si tratta di dotare le Forze dell'Ordine di strumenti di indagine ulteriori e più poteneti, considerato proprio il ruolo baricentrico di Conegliano anche per qaunto riguarda la viabilità nella Sinistra Piave. Parlare di grande fratello e privacy in questo caso è fuorviante in qaunto chi utilizzerà lo strumento sono le Forze dell'Ordine e la finalità dello strumento è quella di intercettare auto sospette e quindi già segnalate per accelerare e portare a termine in tempi rapidi indagini in corso oltretutto si limita al rilievo e alla verifica della targa. Anche i recenti casi di incidenti stradali a danno di pedoni o ciclisti ad opera di pirati della strada dovrebbero far riflettere in questo senso, mi meraviglia, tra l'altro, il comportamenti di alcuni che bocciando questa iniziativa si rendono invece promotori di una iniziativa volta a spiare i bimbi a scuola".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conegliano: rischio Ciaa, vigileremo e potenzieremo i servizi comprensoriali

TrevisoToday è in caricamento