rotate-mobile
Elezioni comunali 2013

Manildo provoca Gentilini, venerdì il confronto pubblico

Mercoledì il candidato del centro-sinistra aveva lanciato l'ultimatum all'avversario, che finora si era sempre sottratto al faccia a faccia. A mezzogiorno l'appuntamento alla Loggia dei Trecento

Dopo un lungo tira e molla è finalmente arrivato il momento del sospirato faccia a faccia pubblico tra i due candidati sindaco al ballottaggio il 9 e 10 giugno.

Mercoledì Giovanni Manildo, in vantaggio di circa 8 punti percentuali rispetto all'avversario, aveva lanciato un ultimatum a Giancarlo Gentilini, che finora ha sembre disertato i confronti televisivi con i suoi avversari, anche durante la campagna elettorale per il primo turno.

"Abbiamo sentore che Gentilini non si presenterà neppure ai confronti proposti da me in due emettenti televisive nella stessa mattinata - aveva dichiarato - A questo punto gli lancio un'ultima sfida per venerdì, dalle 12 alle 13 in Piazza dei Signori, davanti ai cittadini e a tutti i media della nostra città".

"Spero che non fugga ancora - aveva concluso pungente Manildo - Dimostrerebbe per l'ennesima volta di avere paura dei trevigiani e di chi li rappresenta con coraggio e fermezza".

La replica è arrivata a stretto giro dalla Lega Nord: d'accordo per venerdì a mezzogiorno davanti alla città. Ora manca solo il moderatore giusto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manildo provoca Gentilini, venerdì il confronto pubblico

TrevisoToday è in caricamento