rotate-mobile
Elezioni Politiche 2013

Elezioni 2013, Vardanega: "Situazione rischiosa per il Paese"

Alessandro Varganega, presidente di Unindustria Treviso, commenta con preoccupazione l'esito delle consultazioni elettorali

Dalle urne esce "una situazione quanto mai incerta e potenzialmente rischiosa per il Paese in una fase dove sarebbe fondamentale avere un Governo stabile e autorevole per ridare nuove basi per far crescere l'economia e il lavoro".

Lo sostiene Alessando Vardanega, Presidente Unidustria Treviso, per il quale "è stato un voto 'contro', sintomo della fase di prolungata difficoltà, se non di sofferenza, attraversata da larghe fasce della popolazione, e accanto alla protesta vi è stata la richiesta di profonda discontinuità nell'amministrazione dello Stato".

"E' un messaggio, quest'ultimo, che è stato espresso - da tempo e al di là di ogni logica di schieramento - dagli imprenditori e dalla nostra Associazione (si ricordi la "marcia" del 2011) e non averlo interpretato con efficacia - accusa - è all'origine dell'attuale frammentazione".

Per Vardanega occorre assumersi la responsabilità di governare e di confrontarsi con le richieste e le esigenze dei cittadini e delle loro rappresentanze nella società.

"Un'agenda di provvedimenti da adottare urgentemente - conclude - è da tempo sul tavolo e su queste proposte molti candidati si sono espressi in campagna elettorale. Ne ricordo solo tre: riforma elettorale; ridurre l'apparato dell'Amministrazione pubblica tagliandone i livelli e abbattendo la burocrazia che ne è ormai la vera ragion d'essere; con le risorse così liberate, ridurre la pressione fiscale sul lavoro e sull'attività d'impresa così da ridare competitività e rilanciare i consumi". (ANSA)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2013, Vardanega: "Situazione rischiosa per il Paese"

TrevisoToday è in caricamento